I risultati definitivi delle #Elezioni europee 2014, hanno visto vincere il Partito Democratico, crollare l'entusiasmo di Grillo e deludere le aspettative di Berlusconi. Un ridimensionamento per tutte le forze politiche che nelle piazze hanno fatto clamore, che hanno chiuso la campagna elettorale con la speranza di una percentuale di gran lunga maggiore rispetto a quella ottenuta nei risultati finali.

I consensi maggiori sono infatti andati al Pd, che ha trionfato su tutto il territorio nazionale: non vi è una regione in cui Renzi non abbia lasciato dietro il M5S. In bilico nella soglia di sbarramento alcune forze politiche di poco al di sopra del 4% che rischiano di non entrare nel rinnovo del Parlamento Europeo.

Pubblicità
Pubblicità

Resta escluso Fratelli d'Italia, nonostante il buon risultato ottenuto e una importante percentuale di consensi su tutto il territorio nazionale.

Elezioni Europee 2014: commozione di Renzi

Il Pd ha ottenuto il 41% dei consensi. Renzi ha parlato di "Un risultato storico - continua il premier - Sono commosso e determinato al lavoro per un'Italia che cambi l'Europa". Matteo Renzi non si è astenuto di seguito al lancio di un tweet: Grazie #unoxuno #senza paura". Il secondo partito a ottenere maggiori consensi è stato il Movimento 5 Stelle, che su tutto il territorio si è conteso il secondo posto, proprio dopo il Pd, fermandosi al 20,84%, più del 50per cento di distacco dal partito democratico.

Elezioni europee 2014: crollo Grillo; delusione Berlusconi

Dai risultati finali sembra proprio che il #vinciamo noi del leader del M5S non abbia trovato così tanti consensi in piazza. Il consenso al Movimento 5 Stelle si è confermato su percetuali del 21%, giocandosi il trono con il Pd, ma non abbastanza per ottenere risultati superiore alla forza politca del premier, che in questi giorni si era distinto per gli 80 euro in busta paga. In realtà, però, la delusione maggiore è stata per l'ex premier Silvio Berlusconi, che non è riuscito a raggiungere i primi posti dovendosi accontentare del terzo: il 16% scarso dei consensi si presenta come uno dei risultati peggiori per Forza Italia, forte di un consenso consolidato o, forse, prima ritenuto come tale.

Elezioni europee 2014: le altre forze politiche e soglia sbarramento

Anche le altre forse politiche sono in bilico, considerando i risultati definitivi che confermano percentuali con numerosi punti di distacco dal Pd, M5S e Forza Italia.

Pubblicità

La Lega Nord di Matteo Salvini ha ottenuto il 6% dei consensi (il risultato definitivo più alto rispetto agli altri partiti); la Lista Tsipras, con la coalizione formata da Ncd e Udc, si afferma su percentuali al di sopra del 4%, bilico per la soglia di sbarramento. Anche Alfano e Casini vantano il 4,3%. Un buon risultato invece per Fratelli d'Italia, nonostante la mancanza di quella "mezza percentuale che avrebbe permesso al partito l'ingresso nel parlamento Europeo. Si attendono ora di conoscere anche i risultati delle elezioni comunali e le percentuali definitive per ogni comune, regione. #Elezioni politiche #Sondaggi politici