Il leader di Forza Italia, nonostante la condanna della magistratura in affidamento in prova ai servizi sociali, per le imminenti #Elezioni europee 2014 del 25 maggio, in collegamento con Salerno ha dichiarato che Grillo è un pazzo, un pericolo assoluto, affermando che chi lo vota è furioso e disperato: "Dice che vuol distruggere tutto, via il Senato, via la Camera, via i parlamentari, via i partiti via la democrazia, il Paese deve essere condotto dai delegati del web agli ordini suoi e di Casaleggio".

Come un fiume in piena con il suo solito aplomb, il Cavaliere ha sottolineato di riscontrare in Grillo tutte le caratteristiche di tutti i più sanguinari protagonisti della storia, da Robespierre a Stalin e Pol Pot, "È oltre Hitler", in quanto non sceglie un progetto politico costruttivo ma solo distruzione.

Pubblicità
Pubblicità

Successivamente Berlusconi ha rimarcato la necessità di un cambiamento e un'apertura dell'Unione Europee in merito al Fiscal Compact, spiegando che 50 miliardi l'anno sono una cifra insostenibile, e che in caso contrario il Ppe chiederà di uscire dall'Euro, poiché sarà la realtà economica stessa che imporrà di uscire dalla moneta unica, e di ritornare alla sovranità monetaria.

L'ex premier sogna di diventare il "Padre della Patria", e di raccogliere tutti i moderati di destra, sottolineando di aver sempre combattuto contro la vendita e la colonizzazione dell'Italia, e che se verranno confermate le cose dette da Geithner, in merito al complotto internazionale ai suoi danni, ha rivelato di sentirsi fiero di aver detto di no all'offerta di 80 miliardi del Fmi di cui l'Italia non aveva bisogno.

Pubblicità

Il Cavaliere ha sottolineato l'aumento in questi ultimi tre anni di governi tecnici del 40% della povertà, e di voler dare sostegno e aiuto alle fasce più deboli, innalzando le pensioni minime a mille euro, proponendo dentiere gratis a carico dello Stato sul modello svedese per tutti gli anziani, e di attuare la tanto desiderata e attesa riforma della giustizia in versione liberale e democratica, precisando di voler realizzare un Centro a Roma per le vittime della giustizia.

Il leader di FI dopo aver ringraziato tutti i partecipanti al collegamento video ha dichiarato di aver sempre fatto gli interessi degli italiani per questo hanno voluto farlo fuori dalla scena politica, e ha concluso di essere consapevole del suo folle sogno di costruire un vero partito organizzato per la maggioranza dei moderati di destra, garante di una democrazia recuperata, e ha concluso citando Erasmo da Rotterdam: "Le idee migliori non vengono dalla ragione, ma da una lucida, visionaria follia". #Silvio Berlusconi #Beppe Grillo