A pochi giorni dalle Elezioni Europee 2014 che hanno visto una campagna elettorale senza esclusioni di colpi tra il premier Renzi e il leader del M5S Beppe Grillo, #Silvio Berlusconi, durante l'intervista di ieri a Quinto Grado, ha dichiarato di avere tra i punti del suo programma elettorale l'abolizione di #Equitalia, il taglio delle tasse e l'innalzamento delle #Pensioni minime a mille euro.

Il Cavaliere ha sottolineato che i punti deboli del terzo governo tecnico Renzi sono proprio le tasse e il lavoro, dichiarando in merito alla riforma del lavoro che la base del governo ha prodotto un provvedimento inefficace per il rilancio dell'occupazione e dell'economia dell'Italia, sottolineando che invece di realizzare il Job Act hanno creato un Cgil Act, e precisando che il premier Renzi, nonostante ci abbia messo la faccia, non è riuscito a rispettare una sola data di scadenza.

Pubblicità
Pubblicità

Berlusconi riferendosi ai famosi 80 euro, e definendoli una "mancia elettorale", ha voluto precisare che se con una mano, la sinistra, ha dato 80 euro, con l'altra ha preso 31 milioni di euro dai liberi professionisti, commercianti e soprattutto pensionati, sottolineando che anche i fortunati, ai quali verrà erogato il presunto bonus Irpef, si troveranno a pagare le imposte sulla casa o sugli interessi dei risparmi che hanno in banca.

Durante l'intervista non sono mancati duri attacchi verso il leader del M5S, accusato di essere un pregiudicato e assassino distruttivo, definendo Beppe Grillo un esperto "nel non andare in carcere", in merito l'ex premier ha sottolineato di avere paura del movimento che raccoglie i consensi degli elettori disperati che si sono impoveriti a causa della formazione di tre governi tecnici, Monti, Letta e Renzi.

Pubblicità

A conclusione dell'intervista il leader di FI ha voluto sottolineare che in caso di sconfitta del premier Renzi alle prossime elezioni europee è pronto a governare e a diventare il Padre della Patria, per riportare l'Italia ad essere un Paese democratico, e ha chiesto pubblicamente l'apertura di una commissione d'inchiesta che possa fare luce sul complotto internazionale che ha portato alle sue dimissioni e che ha distrutto la sovranità del Paese.