Ieri sera #Beppe Grillo, da Piazza Duomo a Milano, Renzi a Piazza Del Popolo e Berlusconi all'Eur. Battute, molto spesso offensive. Così si sta spegnendo la campagna elettorale, e gli italiani fanno traboccare le piazze di tutta Italia.

Beppe Grillo usa i suoi usuali toni, sprezzanti a volte, rassicuranti un po' meno. È ritornato ai vecchi tempi, dimenticando, o quasi, i toni pacati utilizzati lunedì sera a Porta a Porta.

Tra molteplici "Vaffanculo", e numerosi cori di "Tutti a casa!", i pentastellati partecipano ai comizi, e agli incontri di piazza fischiando e urlando anche contro Napolitano, mentre Grillo è già convinto di vincere le Europee portandosi a casa il 96% dei voti.

Pubblicità
Pubblicità

Ha persino evocato la grande figura di Enrico Berlinguer, ex Segretario del PCI, e da lì, una serie di battute e botta e risposta con #Matteo Renzi. "Berlinguer è con noi" afferma Grillo, e Renzi subito risponde: "Sciacquati la bocca prima di Parlare di Berlinguer!".

E intanto i preparativi per l'evento di stasera, in cui Grillo, con a fianco Casaleggio, il fondatore del Movimento Cinque Stelle, riempirà Piazza San Giovanni per l'ultimo comizio prima della chiusura della campagna elettorale.

Il Presidente del Consiglio, nonché Segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, invece ha partecipato ieri a Porta a Porta, e tra le solite ramanzine, ha riproposto la storia degli 80 euro, e cercando di accaparrarsi anche gli ultimi voti, non solo ha promesso che gli 80 euro per chi guadagna meno di 1500 euro al mese saranno per sempre, ma che dal 2015, gli 80 euro in più ci saranno anche per i pensionati.

Pubblicità

Carismatico, sicuro di sé, e delle sue azioni, Renzi continua a stregare gli elettori, e cerca anche di trascinare al voto anche chi, ormai deluso e mareggiato, aveva deciso di astenersi dall'esprimere la sua preferenza.

Ha parlato dei suoi primi ottanta giorni di Governo, di quello che fino ad oggi, lui con la sua squadra di Governo, è riuscito a fare. Di quello che non ha fatto e, soprattutto, di quello che vorrà fare, minoranza permettendo.

Berlusconi, invece, all'EUR, si rivolge ai moderati, e tra battutacce e dichiarazioni poco credibili, chiede agli italiani il voto responsabile, il voto per il partito Popolare Europeo, l'unica chance secondo lui per sfondare in Europa.

Sarà l'ultimo atto quello di stasera, e gli italiani si divideranno tra le varie piazze che i Leader hanno scelto per parlare l'ultima volta agli elettori.

Renzi ha scelto Piazza della Signoria, nella sua Firenze. Sarà sul palco dalle 20:30 in poi.

Grillo, come già detto in precedenza, sarà dalle ore 18:00 a Piazza San Giovanni, a Roma.

Berlusconi, invece, ha scelto Milano, e precisamente il Centro Congressi della Provincia. #Silvio Berlusconi