Passa alla Camera la fiducia posta al Decreto Renzi sul lavoro. Sono stati ben 333 i voti a favore e 159 quelli contrari. Domani riceverà il voto finale e sarà subito Legge dopo la pubblicazione in Gazzetta. Arriva dunque la nona fiducia al #Governo Renzi con disposizioni che si applicano subito dopo la data di entrata in vigore.

Le reazioni

Il ministro Poletti mentre le opposizioni votano compatte contro, annuncia che i numeri gli daranno ragione e che la legge non aumenterà la precarietà ma che anzi darà benefici a risollevare il Paese. Il presidente della commissione lavoro afferma inoltre che si tratta di un compromesso accettabile.

Pubblicità
Pubblicità

In grandi linee ecco cosa comprende il decreto.

Precedenza assunzione precari

Un lavoratore che ha svolto la stessa mansione per almeno sei mesi deve avere l'assoluta precedenza. Deve essere, infatti, richiamato dall'azienda nell'atto di contratto di lavoro. Tale regola è estesa anche per le donne in maternità che possono conteggiare la gravidanza nella durata del contratto. A queste lavoratrici è anche riconosciuto il diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo determinato effettuate dal datore di lavoro entro i successivi dodici mesi.

Contratti di solidarietà

E' un contratto con cui i datori di lavoro hanno diritto a una riduzione della contribuzione previdenziale per i lavoratori interessati alla diminuzione dell'orario di lavoro non oltre il venti per cento. Il tutto per un periodo non superiore ai ventiquattro mesi.

Pubblicità

Contratti a termine

Il contratto non può avere una durata superiore a 36 mesi per qualunque mansione e per qualsiasi tipo di contratto. Per i datori di lavoro che occupano fino a cinque dipendenti è sempre possibile stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato. Gli enti che attivano contratti a termine possono sforare i trentasei mesi ma non possono andare oltre il periodo in cui è prevista l'attuazione del progetto di ricerca. Per chi sfora il limite del venti per cento saranno imposte sanzioni, multe salate fino al cinquanta per cento. #Camera dei Deputati