A una settimana dalle #Elezioni europee 2014 caratterizzate dalla crescita significativa dei partiti anti euro appartenenti ai Paesi Ue, con consensi oltre il 30%, e dall'arrivo dei grillini, il leader del M5S, condannato in via definitiva e non candidabile, #Beppe Grillo, a Torino durante il suo comizio, esaltato dalla folla ha dichiarato d essere "Oltre Hitler", e che è grazie a Stalin che è stato sconfitto il nazismo in Europa, minacciando un processo pubblico sul web per i giornalisti e i politici.

L'ex comico scatenato e come un fiume in piena, circondato da migliaia di italiani, si è scagliato contro il leader di FI, #Silvio Berlusconi, in affidamento in prova ai servizi sociali presso il centro anziani della Sacra Famiglia a Cesano Boscone, e ha promesso che il primo giorno in cui il M5S sarà al governo manderà in esilio lo psiconano in Libano o in galera per 20 anni, ri - soprannominandolo Tinto Brass, "Non è più lo psiconano, ma Tinto Brass: Vediamo chi metteranno nel cesso, Tinto...

Pubblicità
Pubblicità

".

In attesa della marcia su Roma, il leader del M5S durante il suo comizio per le imminenti elezioni europee ha tirato fuori le unghie e i denti contro la Germania e l'Europa di Schultz, esternando un pensiero politico misto tra ideologia anti-fascista e post comunista, Beppe Grillo ha invitato tutte le forze dell'ordine, la Digos, la Dia a smettere di scortare la Casta a fare shopping, e di unirsi alla protesta popolare.

Grillo ha rimarcato il leitmotiv di tutta la campagna elettorale, ossia che senza i grillini e la rivolta popolare democratica e organizzata, in Italia ci sarebbero rivolte naziste, e coraggioso ha dichiarato di voler andare al Parlamento Europeo e stracciare il Fiscal Compact, e precisando che i suoi grillini non faranno come Matteo Renzi, rappresentando simbolicamente l'incontro del premier Renzi con la Merkel: "L'ebetino è andato a dare due linguate alla culona della Merkel".

Pubblicità

Acclamato e circondato dal calore della folla e dello Tsunami che sta per abbattersi su Bruxelles, l'ex comico, il quale ha dichiarato durante un'intervista con Enrico Mentana su La7, che non sa più nemmeno lui chi è più ormai, ha minacciato la gogna pubblica per politici e giornalisti e ha dichiarato vittorioso che il M5S sarà il primo partito italiano, dichiarando ecletticamente: "Io non sono candidato, non sono il loro avversario sono un pregiudicato e li riconosco prima, il loro avversario è l'onestà di chi fa buona politica".