Il piccolo partito spagnolo Podemos ha sorpreso tutti, in Spagna e in Europa, con i suoi risultati alle recenti Elezioni Europee, considerando anche il fatto che il partito era nato solo 100 giorni prima delle elezioni del 25 maggio scorso. Come riporta infatti la rivista "Internazionale" nella sua edizione on line, Podemos ha ottenuto la notevole cifra di 1,2 milioni di voti, diventando il terzo partito a Madrid e in altre città spagnole, e ottenendo di poter mandare 5 europarlamentari a Bruxelles.

Podemos ha il suo leader in Pablo Iglesias, un professore di 35 anni, e si ispira all'esperienza degli indignados spagnoli, ovvero tutti quegli studenti, disoccupati, ma anche lavoratori e semplici cittadini, che nel 2013 sono scesi ripetutamente in piazza in tantissime città del paese per protestare pacificamente, ma con fermezza estrema, contro le politiche di austerità adottate dal governo sotto pressione proprio dell'Unione.

Pubblicità
Pubblicità

Il neonato partito ha dei capisaldi molto semplici e chiari, come spiega il leader Iglesias al giornale britannico "The Guardian". Innanzitutto Podemos si basa su un concetto di democrazia diretta, per il quale i cittadini entrano nella politica e la fanno in maniera attiva e in prima persona. Un'altro cavallo di battaglia riguarda la riduzione degli stipendi parlamentari da equiparare a quelli di un cittadino medio spagnolo. Inoltre il partito, che durante la campagna elettorale ha ridotto al minimo le proprie spese, contando sul sostegno di una base di attivisti, ha tra i suoi obiettivi centrali l'istituzione di un salario minimo garantito, l'abolizione dei paradisi fiscali e l'abbassamento dell'età pensionabile a 60 anni. Oltre naturalmente ha battersi contro le politiche di austerità dell'Unione Europea.

Pubblicità

Il successo di Podemos, ad ogni modo, è anche dovuto al crollo di consensi e di fiducia verso i tradizionali partiti, quello popolare e quello socialista, che insieme hanno collezionato meno del 50% dei voti. Per il partito socialista questo è stato il peggior risultato elettorale. I popolari festeggiano una vittoria monca. Non pare forse di ascoltare una storia già sentita dalle nostre parti?