Emergenza carceri, #indulto e #amnistia 2014: mentre Marco Pannella rilancia l'iniziativa di Satyagraha interviene Silvia Baraldini, l'attivista italiana nota per aver fatto parte negli anni sessanta, settanta e ottanta in America del movimento rivoluzionario che combatteva per i diritti civili dei neri.

Il sovraffollamento carceri in Italia "è una emergenza nazionale", ha affermato Silvia Baraldini intervenendo al Festival del Cinema Europeo di Lecce alla proiezione di "Nella Casa di Borgo San Nicola", il film della regista e fotografa Caterina Gerardi girato nel carcere femminile di Lecce.

Carceri, indulto e amnistia 2014, Silvia Baraldini: 'La situazione è peggiorata'

"Marco Pannella - ha aggiunto Silvia Baraldini ricordando la battaglia del leader storico dei radicali per indulto e amnistia - combatte da tanto e ora anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e Papa Francesco, ma non cambia niente.

Pubblicità
Pubblicità

Sarebbe bello dire - ha aggiunto la Baraldini secondo quanto riporta l'Ansa - che la situazione è migliorata, ma è il contrario visto che ci siamo inventati anche un nuovo reato, essere clandestino".

"Una società - ha aggiunto Silvia Baraldini - dovrebbe essere molto orgogliosa di avere una situazione carceraria differente, ma manca la consapevolezza che anche questo sia un elemento di democrazia. Di carcere, e soprattutto della condizione delle donne in carcere, ci si occupa pochissimo. L'unica cosa di cui si parla - ha sottolineato - sono gli arresti domiciliari o i servizi sociali per Silvio Berlusconi e io mi rifiuto di pensare che la cosa ci riguardi''.

Silvia Baraldini conosce bene la situazione delle carceri italiane, visto che ha trascorso un periodo di detenzione a Rebibbia dopo l'estradizione dagli Stati Uniti dove era finita negli anni ottanta in carcere per associazione sovversiva legata al suo attivismo politico comunista e di appoggio ai movimenti afro-americani di liberazione.

Pubblicità

La Baraldini finì di scontare la pena nel 2006 con qualche anno di anticipo grazie all'indulto.

Indulto e amnistia 2014, entro il 15 aprile testo unificato al Senato

E a proposito di provvedimenti di clemenza generale ad efficacia retroattiva previsti dalla Costituzione italiana, è attesa per il 15 maggio prossimo entro le ore 18 - così come stabilito dal presidente della commissione Giustizia del Senato della Repubblica Francesco Nitto Palma (Forza Italia) - la presentazione del testo unificato in materia di indulto e amnistia 2014 che dovrà essere redatto dalla senatrice Nadia Ginetti (Pd) e dal senatore Ciro Falanga (Fi) in qualità di relatori dei quattro ddl per amnistia e indulto presentati dai senatori Manconi, Compagna, Barani e Buemi più altri cofirmatari.