Arrivano sorprese dai risultati dei ballottaggi dell'8 giugno. Le Comunali 2014, infatti, si sono concluse con la vittoria a sorpresa del M5S a Livorno: Filippo Nogarin ha sconfitto il candidato del Pd, Marco Ruggeri, con il 53% dei voti. Cade così una roccaforte rossa.

L'altra sorpresa che esce dalle urne delle elezioni è la sconfitta di Alessandro Cattaneo a Pavia: il "rottamatore" di Forza Italia era indicato tra i sindaci più amati d'Italia. Ma alla prova del voto, ha perso contro Massimo Depaoli del centrosinistra che ha superato addirittura il 53%.

Il M5S vince a Livorno, ma perde a Modena

Il M5S fa festa a Livorno grazie a Fillippo Nogarin, ma il Movimento di Beppe Grillo esce nettamente sconfitto a Modena, dove c'è stata la netta affermazione di Carlo Muzzarelli (centrosinistra) con oltre il 60% dei voti.

Pubblicità
Pubblicità

Dai ballottaggi giunge una bella soddisfazione anche per Fratelli d'Italia: Dario De Luca è diventato sindaco di Potenza con più del 58%.

Le vittorie del centrosinistra

Il centrosinistra non ha bissato gli strepitosi risultati di quindici giorni fa, ma sono comunque arrivate importanti vittorie (oltre a quelle già citate di Pavia e Modena) a Bari, con Antonio Decaro che è volato oltre il 65%, a Bergamo, con Giorgio Gori al 53%, a Pescara, con Marco Alessandrini oltre il 66%. E poi ancora a Biella (Cavicchioli), Cremona (Galiberti), Terni (Di Girolamo), Vercelli (Forte) e Verbania (Marchionni).

I Comuni al centrodestra

In Puglia il centrodestra ha riscattato la debacle di Bari, con la vittoria di Franco Nardella a Foggia (50,3%) contro il candidato del centrosinistra Marasco.

Pubblicità

Il colpo a sorpresa, però, c'è stato a Perugia con la netta affermazione di Andrea Romizi, al 58%, contro Wladimiro Boccali del Pd. A Padova, infine, brinda la Lega con Massimo Bitonci, nuovo sindaco con il 53%. Sconfitto l'ex vice di Zanonato, Ivo Rossi. #Elezioni politiche