I giorni post elezioni amministrative vedono secondo le indiscrezioni dei suoi fedelissimi, un agguerrito e rabbioso leader di #Forza Italia determinato a far ripartire il partito con una sorta di rivoluzione interna e in tempi brevissimi: per confermare la sua disapprovazione verso gli attuali esponenti di FI, #Silvio Berlusconi non si è presentato alla riunione del vertice di Presidenza per l'approvazione dei bilanci del partito.

I risultati elettorali hanno mostrato la vittoria clamorosa del centrodestra a Perugia, Padova e Potenza, ma hanno anche mostrato brucianti sconfitte a Bergamo e Pavia, da sempre roccaforti della destra, e per uscire dall'empasse delle divisioni interne di Forza Italia l'unica strada secondo i forzisti Raffaele Fitto, Mara Carfagna e Renata Polverini sarebbero nuove primarie.

Pubblicità
Pubblicità

Ma secondo le indiscrezioni che arrivano dal cerchio magico di Silvio Berlusconi, queste servirebbero soltanto ad avviare la sua rottamazione.

Intanto l'ex premier, dopo un'indagine a 360 gradi delle preferenze di voto, ha costatato che a penalizzare Forza Italia sopratutto al Nord sono state le ultime inchieste che hanno coinvolto alcuni esponenti azzurri: per il leader Silvio Berlusconi la situazione è molto grave, tanto da voler adottare una linea dura con i corrotti o presunti tali, si parla di un giro di vite, che possa ripulire l'immagine di Forza Italia, con volti nuovi: " Fuori le mele marce".

Tuttavia non è prevista nessuna manovra giustizialista e la battaglia garantista sembra rimanere la linea da seguire a tutti i costi e nonostante tutto, una linea appoggiata in pieno dal capo gruppo alla Camera, Renato Brunetta, il quale in una nota sul Mattinale ha dichiarato: "Il garantismo, da cui non deroghiamo, non è un riparo per i corrotti e ladri, ma tutela dei diritti senza cui non c'è civiltà".

Pubblicità

#Elezioni politiche