I Grillini hanno scelto, in Europa sarà alleanza con il leader dell'estrema destra britannica, Nigel Farage. Il tema aveva tenuto banco fin da subito nel Movimento 5 Stelle che, dopo aver ottenuto risultati importanti alle elezioni europee del 25 maggio, era chiamato a scegliere quale futuro intraprendere nelle proprie alleanze in Europa.

I militanti pentastellati, come consuetudine, hanno lasciato che fosse una votazione on-line a decidere e così, con ben 23.121 voti su un totale di 29.584, i grillini hanno scelto l'alleanza che sembrava la più caldeggiata anche dai due leader #Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio.

Pubblicità
Pubblicità

Un vero e proprio plebiscito se considerate che le altre due opzioni date ai votanti hanno raccolto rispettivamente 3.533 per l'opzione 'non iscritti', cioè chi non aderisce a nessun gruppo politico europeo e 2.930 per l'iscrizione al gruppo Ecr.

Arrivati a questo punto si trattava di decidere se spalleggiare un gruppo forte, ovvero quello dell'estrema destra britannica, oppure correre da soli, rischiando però di non avere voce in capitolo in Europa sulle tematiche più importanti. Insomma, se rimangono tra il Movimento 5 Stelle e Efd alcuni punti di distacco, sembra che tra i grillini abbiano prevalso i punti comuni, primo fra l'ormai citatissimo 'anti-europeismo'.

Anche Farage ha commentato con positività la scelta effettuata dal Movimento: "Sono estremamente soddisfatto. Sarò lieto di lavorare con il Movimento 5 Stelle per una vera voce di opposizione in seno al parlamento europeo - ha commentato il leader di Efd - Questo accordo aumenterà la fiducia fra i membri di altre delegazioni che verranno la settimana prossima per aderire al nostro gruppo e renderà più solido quello che dovrà essere un grande gruppo.

Pubblicità

Saremo la voce del popolo". #Unione Europea