Mentre #Matteo Renzi è in visita ufficiale in Vietnam, nel Parlamento italiano viene approvata una nuova norma che riscrive l'articolo 26 relativamente alla responsabilità civile dei magistrati. Nel dettaglio, il centrodestra, con 187 sì e 180 no, si è espresso favorevolmente alla responsabilità civile dei magistrati. In questa votazione c'è stata l'astensione da parte del Movimento 5 Stelle.

La reazione da parte dell'Anm (Associazione Nazionale Magistrati) è stata immediata con alcune dichiarazioni pervenute subito dopo l'approvazione della legge. Tra le tante evidenziamo quella di Rodolfo Sabelli che considera questa nuova norma come un fatto grave in un momento in cui la #magistratura è impegnata contro la corruzione nelle istituzioni pubbliche, come ad esempio lo scandalo Mose e Expo 2015.

Pubblicità
Pubblicità

Questo provvedimento darà la possibilità al soggetto che ha subito un danno ingiusto, dopo una sentenza, di agire sia contro lo Stato che contro il magistrato per l'eventuale risarcimento dei danni.

La deputata di Forza Italia, Daniela Santanchè, si ritiene soddisfatta del risultato ottenuto con l'approvazione di questa nuova norma sia perchè cambierà molto in ambito giudiziario ma anche perchè il Partito Democratico è stato sconfitto in aula dal voto dell'opposizione. Le reazioni del Partito Democratico sono state forti; più di qualche esponente della maggioranza di #Governo ha messo in evidenza che la trattazione di questo tema è stata troppo approssimativa considerando la sua importanza.