#indulto e #amnistia 2014, ultime notizie e possibili novità in arrivo malgrado si resti ancora in attesa del testo unificato che dovrebbe essere redatto dai senatori Ciro Falanga (Forza Italia) e Nadia Ginetti (Partito democratico).

Amnistia e indulto 2014, continua la discussione in commissione Giustizia al Senato

Mentre resta all'ordine del giorno della commissione Giustizia del Senato della Repubblica (presieduta dal senatore berlusconiano Francesco Nitto Palma) l'esame congiunto dei quattro disegni di legge per la amnistia e indulto 2014 (ddl 20, 21, 1081 e 1115 presentati dai senatori Manconi, Compagna, Barani e Buemi) una nuova proposta di legge per la concessione dell'indulto è stata presentata oggi (12 giugno 2014) dal Centro democratico in una conferenza stampa alla #Camera dei Deputati.

Pubblicità
Pubblicità

Indulto e amnistia 2014, nuova proposta di legge presentata alla Camera dei Deputati

"L'indulto mirato aiuterebbe a smetterla di complicarci la vita", ha dichiarato durante la conferenza stampa a Montecitorio il leader del Centro democratico Bruno Tabacci illustrando la proposta che prevede la concessione dell'indulto per i detenuti condannati per piccolo spaccio di droga alla luce della dichiarazione di incostituzionalità da parte della Consulta della legge Fini -Giovanardi sulle sostanze stupefacenti.

"Alla luce della pronuncia della Consulta - ha spiegato il deputato del Centro democratico Roberto Capelli, primo firmatario della nuova proposta di legge per la concessione dell'indulto - ogni detenuto interessato dovrebbe avviare una procedura davanti al giudice per il ricalcolo della pena.

Pubblicità

Non possiamo intasare ancora i tribunali e l'indulto - ha sottolineato il parlamentare in conferenza stampa - risolverebbe il problema".

Indulto e amnistia 2014, condono della pena per settemila detenuti per piccolo spaccio di droga

"I detenuti interessati secondo i calcoli più prudenti - ha spiegato durante la conferenza stampa alla Camera dei Deputati Anna Maria Busia, consigliere regionale sarda e responsabile Giustizia del Centro democratico favorevole ad amnistia e indulto - sono quattromila, ma in realtà - ha sottolineato - sono almeno sei o settemila. Con loro fuori - ha aggiunto Anna Maria Busia illustrando la proposta di legge sull'indulto del Cd - il sistema carcerario tornerebbe in equilibrio".