I presupposti ci sono tutti: impegno sociale, civico e politico, bella e affascinante presenza e soprattutto la cornice, ovvero la ricca e assolata California, lo Stato americano che più di ogni altro si è lasciato guidare da divi Hollywoodiani, due repubblicani: Arnold Schwarzenegger e Ronald Reagan. Per quest'ultimo la poltrona di Governatore ha fatto da trampolino per lo studio ovale della Casa Bianca, questa volta ad aspirare alla carica di Governatore è l'affascinante dottor Ross di E.R., George Clooney, che i democratici candideranno alla carica di Governatore della California nel 2018.

Il divo hollywoodiano ha da sempre manifestato un grande interesse per la politica, passione ereditata da suo padre Nick, il quale nel 2004 si candidò per i democratici al Congresso, ma gli andò male e non venne eletto.

Pubblicità
Pubblicità

Un'esperienza amara e deludente che qualche anno dopo ispirò George per il protagonista del film "Le idi di marzo", dove interpretava un governatore progressista e integerrimo che si candida alla Casa Bianca.

Nel 2004 ha finanziato la campagna elettorale di John Kerry per le presidenziali, nel 2008 George Clooney è stato nominato Messaggero di Pace delle Nazioni Unite, quattro anni dopo si è fatto arrestare, in qualità di presidente di Unite To End Genocide, durante una manifestazione contro il Presidente sudanese Omar Al Bashir, ora che si avvicinano le nuove elezioni, l'attore non fa mistero del suo sostegno e della sua amicizia con Barack Obama, nel quale riconosce un nuovo JFK.

La candidatura non è l'unica novità nella vita di George Clooney, ma il fatto che lo scapolo d'oro di Hollywood il 12 settembre porterà all'altare, probabilmente con una cerimonia privata in Italia, la sua fidanzata Amal Alamuddin, bella ed intelligente avvocato per i diritti umani, che con la sua vicinanza avrebbe conferito a George quella credibilità necessaria per un confronto politico.

Pubblicità

I democratici avrebbero fatto la loro scelta candidando George Clooney alla carica di Governatore della California nelle elezioni del 2018 per sostituire Jerry Brown, per ora di gran lunga il favorito, attuale Governatore, che aveva già ricoperto l'incarico dal 1975 al 1983.

George Clooney potrebbe usare la poltrona di Sacramento per puntare addirittura alla Presidenza degli Stati Uniti, cosa che fu proibita ad Arnold Schwarzenegger perchè nato in Austria.

Stiamo a vedere, ma sicuramente George troverà una sua collocazione nella vita politica americana, e chissà il nuovo inquilino della Casa Bianca? #Elezioni politiche #Gossip #Esteri