Il Premier italiano a Parigi incontra il primo ministro francese Francois Hollande, a margine dell' incontro con gli altri leader del Partito Socialista Europeo, per mettere in campo le strategie per far ripartire l'#Unione Europea.

#Matteo Renzi, appena giunto nella capitale francese, ha incontrato Hollande all'Eliseo, al termine dell'incontro i due si sono diretti a piedi verso il luogo dove si è poi tenuto il vertice del Pse, l'Hotel Marigny.

Al vertice hanno partecipato oltre ai due primi ministri già citati, Werner Faymann (Austria), Helle Thorning Schimdt (Danimarca), Elio Di Rupo (Belgio), Robert Fico (Slovacchia), Victor Viorel Ponta (Romania), Bohuslav Sobotka (Rep.

Pubblicità
Pubblicità

Ceca), presenti anche Schulz e Gabriel, vice cancelliere tedesco e leader del Spd.

Renzi, appena lasciato il vertice con Hollande ha detto che Italia e Francia hanno gli stessi obiettivi, vanno nella direzione degli investimenti e della crescita, utilizzando tutta la flessibilità possibile che il patto di stabilità consentirà.

Il Premier francese ha confermato l'ottimo rapporto instaurato con Matteo Renzi, confidando anche nel suo dinamismo e la sua intraprendenza che verrà riversata nel semestre europeo, nel quale la nostra nazione deterrà la presidenza.

Hollande ha tenuto a precisare come questo discorso di flessibilità non intaccherà quelle che sono e saranno le regole relative al patto di stabilità prefissato.

Infine, Hollande ha voluto mettere in evidenza come, nonostante si debba rispettare "l'indicazione di Juncker", candidato alla presidenza della commissione dell'europarlamento per il Ppe, i socialisti del Pse hanno la giusta aspirazione a guidare l'Europa con persone di ispirazione socialdemocratica.

Pubblicità

#Pd