Sembra esserci in po' di confusione all'interno del governo Renzi. Il ministro dell'Economia Padoan, da quanto si evince dalle sue dichiarazioni, non ha alcuna intenzione di modificare l'attuale legge Fornero abbassando, quindi, gli attuali limiti di età e gli anni di contributi per andare in pensione. Quello che dice Padoan, però, va in netto contrasto con le dichiarazioni degli altri due ministri, Madia della Pubblica amministrazione e Poletti del Lavoro. Secondo quest'ultimi la legge Fornero va comunque corretta cambiando i vari parametri.

Alcune dichiarazioni di Madia e Poletti potrebbero sembrare idee propagandistiche, ma, in realtà, proprio il Parlamento all'interno del DEF 2014 ha dato delega al Governo di studiare sistemi di uscita flessibile dal lavoro a costo zero.

Pubblicità
Pubblicità

Questi sistemi, inoltre, produrrebbero la possibilità di inserire i giovani nel mondo del lavoro.

Il ministro del Lavoro Poletti sta portando avanti, sostenuto da Confindustria, l'idea dei prepensionamenti anticipati e flessibili applicando una nuova legge per gli esodati. Quindi, mentre il governo Renzi sembra lavorare per riformare la legge Fornero, il ministro Padoan, con le sue dichiarazioni esattamente contrarie a quelle degli altri due ministri, crea qualche perplessità.

Ovviamente, sappiamo che le risorse economiche per effettuare qualsiasi riforma sono praticamente nulle, ma è pur vero che la riforma delle #Pensioni dovrebbe essere fatta a costo zero. E' stato ribadito più volte da Madia-Poletti. In ogni caso le vere intenzioni si capiranno il 13 giugno 2014 quando, a seguito di un tavolo tecnico del governo, sarà presentata una proposta di legge che dovrebbe riformare la Pubblica Amministrazione.

Pubblicità

#Matteo Renzi, nelle sue esternazioni, non ha mai promesso nulla di impossibile. Anche sul fatto della riforma delle pensioni con un possibile aumento delle stesse, ha detto che l'aumento ci potrà essere, ma solo a partire dal 2015. E' chiaro che ora dovrà dire se è d'accordo sulla modifica dell'età pensionabile e dei requisiti di uscita per quanto riguarda gli anni di contributi versati. Tra qualche giorno ne sapremo di più.