Oggi 3 giugno 2014 sarà una giornata decisiva per la questione #amnistia e #indulto in Italia. E' attesa infatti la sentenza dell'UE e precisamente del comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, che ci dirà se l'Italia dovrà pagare una sanzione per non aver risolto lo stato di sovraffollamento delle nostre carceri. Ecco le ultime notizie.

Ultime notizie Amnistia e Indulto 2014: 3 giugno la sanzione UE

In caso di condanna l'Italia, colpevole di violazione dei diritti umani e civili nelle nostre strutture carcerarie, dovrà pagare circa 100mila euro di sanzione. Ma cosa ancora più importante, lo stato e il Governo attuale è chiamato a trovare una soluzione a questo problema delle carceri che da anni viene portato avanti.

Pubblicità
Pubblicità

Continuano ad essere migliaia (settemila circa) i ricorsi alla corte UE da parte dei detenuti per richiedere risarcimenti e un eventuale sanzione odierna potrebbe aprire le porte a dover pagare anche questi ricorsi.

Proprio per dare una soluzione a questo problema, si attende nei prossimi giorni la presentazione di un testo unificato che raccolga i quattro DDL su Amnistia e Indulto 2014 che dalla scorsa settimana sono slittati a questa prima di giugno.

Amnistia e Indulto 2014: nessun nuovo commento di Orlando

Intanto in una giornata così importante come oggi 3 giugno, non ci sono nuovi commenti su Amnistia e Indulto da parte del ministro Orlando, che nei giorni scorsi si è detto cautamente ottimista sulla sentenza, ma non ha voluto azzardare pronostici.

Ricordiamo infine che pochi giorni fa (in concomitanza con la prima scadenza per la sentenza poi posticipata al 3 giugno) Orlando su ipotesi di Amnistia e Indulto 2014 disse all'Ansa che l'Italia andrà avanti con le riforme e che "Non ho una contrarietà ideologica per un provvedimento di clemenza come l'Amnistia o l'Indulto ma una discussione su questo aspetto può distogliere l'attenzione da quello che si può fare".

Pubblicità

Secondo voi sarebbe più giusto svuotare le carceri con un provvedimento di Amnistia o Indulto mentre si aspetta che le riforme vengano compiute o no? Fate sentire la vostra voce qui sotto!