E' all'ordine del giorno dei lavori parlamentari di oggi martedì 22 luglio la prosecuzione dell'esame congiunto dei quattro disegni di legge per #amnistia e #indulto 2014 in commissione Giustizia al #Senato della Repubblica. Mentre prosegue sempre oggi in Aula alla Camera dei Deputati la discussione generale sul cosiddetto decreto svuotacarceri del Governo Renzi che concede sconti di pena e risarcimenti per i detenuti costretti a vivere in condizioni si sovraffollamento carcerario in violazione dei diritti umani.

Se per il decreto in favore dei detenuti predisposto dal ministro della Giustizia Andrea Orlando alla Camera è certo che si procederà speditamente per non far scadere i termini per la conversione in legge, per i ddl per amnistia e indulto sotto esame in commissione Giustizia al Senato è probabile che si continui a prendere altro tempo.

Pubblicità
Pubblicità

Amnistia e indulto 2014: possibile rinvio a settembre per esame congiunto ddl al Senato

E' infatti probabile che la commissione di Palazzo Madama, presieduta dal senatore Francesco Nitto Palma (Forza Italia), decida di rinviare a settembre - cioè quando dovrebbe essere già legge il decreto svuota carceri, ribattezzato dalle opposizioni come "indulto mascherato" - l'esame delle quattro proposte di legge per la concessione di amnistia e indulto 2014 presentate dai senatori Luigi Manconi, Luigi Compagna, Enrico Buemi, Lucio Barani più altri senatori cofirmatari dopo la sentenza pilota Torreggiani della Corte di Strasburgo e il messaggio alle Camere sull'emergenza carceri con cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha chiesto lo scorso ottobre l'approvazione di misure straordinarie di clemenza generale ad efficacia retroattiva come indulto e amnistia.

Pubblicità

Intanto si resta in attesa dell'illustrazione del testo base per amnistia e indulto predisposto e annunciato nelle scorse settimane dal senatore Ciro Falanga (Forza Italia).

Amnistia e indulto 2014: Matteo Salvini (Lega Nord) risponde a Renato Brunetta (Forza Italia)

E a ribadire il deciso no a qualsiasi ipotesi di indulto o amnistia è la Lega Nord di Matteo Salvini. "Stop a qualsiasi indulto più o meno mascherato", ha detto il leader leghista Matteo Salvini rispondendo al capogruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta che ha proposto alla lega un programma su cui stipulare un nuovo accordo politico per il rilancio del centrodestra dopo l'assoluzione di Silvio Berlusconi al processo Ruby. "Sulla riforma della giustizia evidentemente bisogna intervenire - ha detto Matteo Salvini - anche qui abbiamo possibilità di intesa. Ma ci piacerebbe che anche Forza Italia - ha sottolineato il segretario della Lega Nord - la finisse di sostenere qualsiasi forma di indulto".