Tempo di esami per il governo Renzi in #Senato. Il futuro di Renzi e del Senato è ancora tutto da scrivere, ancora una volta. Si sta votando il futuro delle riforme italiane, il futuro della Costituzione italiana, il futuro dello Stato italiano in questi giorni in Senato. E il futuro del governo Renzi. Il patto PD-Forza Italia regge, che piaccia o no. Le insidie per il governo Renzi, invece, vengono dall'interno, da quelli che dovrebbero essere i suoi alleati. O meglio da quelli che sono gli alleati di Renzi quando c'è bisogno di spartirsi qualche poltrona. Sel, l'alleato di Renzi e del PD nei vari comuni italiani, fa ostruzionismo in Senato.

Pubblicità
Pubblicità

Senza troppi complimenti. Insieme a Movimento 5 Stelle e Lega, Sel rifiuta la mediazione del dissidente PD Chiti: ritirare gli emendamenti alle riforme sul Senato, in cambio di un breve allungamento dei tempi delle discussioni. Nulla da fare: andranno votati a uno a uno tutti gli 8000 emendamenti proposti dalle opposizioni. Un vero e proprio ostruzionismo  ai lavori del governo Renzi in Senato e sul Senato.

Il premier #Matteo Renzi replica così alla bagarre avvenuta ieri in Senato: "Gli italiani ci hanno chiesto di cambiare un sistema politico che non funziona più. Noi manteniamo la promessa, senza paura e senza mollare. Stiamo facendo le riforme in senato perché la politica e i politici devono cambiare. Le sceneggiate di oggi dimostrano che alcuni senatori perdono tempo per paura di perdere la poltrona".

Pubblicità

Salterà il tavolo delle trattative fra il governo Renzi e le opposizioni? Renzi per essere credibile deve dimostrare, una volta per tutte, di non cedere ai ricatti di nessuno. Che si tratti di Sel o M5s. Come può il governo Renzi governare sul territorio insieme a Sel, che lo pugnala, invece, sulle riforme del Senato? Ci vuole una dimostrazione di coerenza da parte del premier Renzi: stop a tutte le alleanze su capoluoghi e regioni. Salteranno poltrone, salteranno alleanze, salterà questa buffonata. Ma almeno Renzi dimostrerebbe a tutti che fa sul serio, che i suoi non sono solo tweet vuoti e inutili. Troppo facile essere alleati di Renzi solo quando c'è da spartirsi poltrone, ricevere aiuti, fare bella figura. Forse qualche politico italiano non ha ancora capito quale è la posta in gioco: il futuro del nostro Paese. Renzi sì? Vederemo.

Renzi, da che parte stai?