Sarà ancora una volta in diretta streaming l'incontro fra il #M5S e il #Pd sulla legge elettorale previsto per giovedì 17 luglio 2014 alle ore 14. La notizia è stata divulgata dal blog di Beppe Grillo e dai canali ufficiali del Partito Democratico. Si svolgerà così un secondo vertice in seguito a quello dello scorso 25 giugno.

Con ogni probabilità l'ex comico non dovrebbe essere presente, come è già avvenuto la scorsa volta. Sarà Luigi Di Maio, dunque, il capo della delegazione del Movimento Cinque Stelle supportato da Danilo Toninelli che ha elaborato nei dettagli il c.d. Democratellum, votato in rete dagli attivisti iscritti alla piattaforma.

Pubblicità
Pubblicità

Per quanto riguarda il PD dovrebbe esserci il Presidente del Consiglio #Matteo Renzi, forse ancora con Debora Serracchiani, Alessandra Moretti e Roberto Speranza.

Diretta streaming incontro M5S - PD: giovedì 17 luglio 2014

L'obiettivo del Movimento pentastellato è quello di far saltare il "Patto del Nazareno" stipulato, senza che ci fosse alcun video dell'incontro, fra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. L'ex Cavaliere, espulso lo scorso anno dal Senato in seguito alla condanna per frode fiscale, ha rinserrato con decisione le fila fra i suoi al fine di portare a casa l'accordo con i Democratici. I malumori, fra l'altro, sono presenti anche all'interno dello stesso PD, nonostante l'apparente maggioranza bulgara del premier. Non è un caso che Renzi tema sgambetti dai compagni di partito e si stia guardando le spalle per evitare imboscate clamorose al momento della votazione in aula.

Pubblicità

Ieri, inoltre, è arrivata un'altra tegola per Forza Italia con il rinvio a giudizio per bancarotta a carico di Denis Verdini, protagonista in questa fase di discussione sulle riforme per aver lavorato proprio a quella elettorale.

Incontro M5S - PD: dove vederlo in diretta streaming

L'appuntamento di giovedì 17 luglio 2014 sarà trasmesso dal canale web del blog di Grillo "La Cosa". Anche la tv del PD Youdem dovrebbe dar spazio alla vicenda. Gli approfondimenti, poi, saranno curati dai principali quotidiani nazionali e dai telegiornali.