La politica si infiamma ed i toni si accendono, i social network impazzano, in modo particolare Twitter, dove Grillo e Renzi non se le mandano a dire a suon di hashtag. Grillo dice che Renzi, con la complicità del grande manovratore Giorgio Napolitano, sta mettendo in atto un vero e proprio colpo di stato. Renzi replica con un hashtag nel quale afferma che l'unico colpo lo ha preso #Beppe Grillo ed è un colpo di sole! Grillo ha proseguito aggiungendo alcune frasi nelle quali chiede al Presidenge della Repubblica le dimissioni, in quanto reo di aver tenuto in piedi un regime silenzioso che viene mascherato con il nome di riforme, compiendo quindi atti ben più gravi di quelli compiuti da Benito Mussolini.

Pubblicità
Pubblicità

Grillo cita pure Berlusconi, affermando che lui e #Matteo Renzi sono come i Blues Brothers, anche se poi li definisce P2 brothers, evocando scenari a dir poco torbidi e poco onesti.

Giunge poi il controcanto del portavoce del leader di Forza Italia, Giovanni Toti, che invita tutti alla calma, ricordando che in questo preciso momento storico bisogna mettere da parte insulti e rivalse, concentrandosi solo su quelli che sono i problemi del paese, primo fra tutti quello relativo al lavoro, vera piaga sociale nazionale. All'interno di Forza Italia pare si stia muovendo qualcosa, lo stesso Berlusconi sta tentando di rimettere insieme i cocci del centro destra, per creare una forza alternativa alla sinistra. Alfano pare gli abbia teso la mano, ma solo a patto che la nuova legge elettorale sia basata sulle scelte dei cittadini e non dalle imposizioni di partito; Crosetto dice che in segno di protesta non bisogna prendere parte alle votazioni relative alle migliaia di emendamenti presentati in seno alle varie proposte di riforme presentate, in modo tale da far sì che Pd e Fi restino gli unici responsabili dalla disfatta, sopratutto economica, che si verrebbe a creare nel caso di approvazione di determinate leggi.

Pubblicità

Chi invece non vorrebbe una ricomposizione del centro destra in stile ulivo prodiano è Raffaele Fitto, berlusconiano di ferro, ma con idee innovative che lo stesso Berlusconi faticherebbe a metabolizzare. Il giovane pugliese continua ad andare per la sua strada, rischiando di causare una frattura insanabile all'interno degli azzurri. Insomma, con tutta questa carne al fuoco, si preannuncia una settimana bollente, con rovesci temporaleschi improvvisi in zona Montecitorio. #Silvio Berlusconi