Riforma giustizia, #amnistia e #indulto 2014: il ministro della Giustizia Andrea Orlando ne parlerà durante il tour di due giorni in Sicilia mentre l'Onu, dopo una nuova ispezione in Italia, sul sovraffollamento carceri manda a dire: "Servono misure straordinarie", magari indulto e amnistia così come chiede da tempo il Capo dello Stato Giorgio Napolitano.

Riforma giustizia, amnistia e indulto: Orlando in Sicilia

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando approda in Sicilia per confrontarsi con magistrati e avvocati sulla riforma giustizia che sta mettendo a punto il #Governo Renzi che ha già varato il decreto legge contro sovraffollamento carceri già sanzionato dalla Corte europea dei diritti dell'uomo mentre in commissione Giustizia al Senato prosegue l'esame congiunto dei disegni di legge per amnistia e indulto 2014.

Pubblicità
Pubblicità

La prima tappa del guardasigilli del Governo Renzi in Sicilia è stata al carcere di piazza Lanza a Catania dove ha incontrato i detenuti e il personale della casa circondariale. Poi un incontro al palazzo di giustizia catanese prima di andare all'Hotel Sheraton di Acicastello per partecipare al convegno dal titolo "La riforma della giustizia per la crescita dell'Italia" dove intervengono tra gli altri il parlamentare del Pd Giuseppe Berretta, componente della Commissione giustizia della Camera dei deputati e l'europarlamentare Caterina Chinnici (Pd).

"La riforma della giustizia, magistratura e avvocatura insieme per un'occasione da non perdere", è invece il titolo del convegno sulla riforma giustizia del Governo Renzi promosso dall'associazione "Rifare l'Italia" in collaborazione con l'Anm (Associazione nazionale magistrati) e l'Ordine degli avvocati di Agrigento.

Pubblicità

Al convegno, che si terrà al teatro Pirandello di Agrigento sabato 12 luglio alle ore 10.30 con il ministro della giustizia Andrea Orlando parleranno di riforma giustizia 2014, tra gli altri, il presidente del tribunale di Agrigento Luigi D'Angelo, il procuratore della Repubblica di Agrigento Renato Di Natale, il presidente del Consiglio dell'Ordine degli avvocati agrigentini Antonino Gaziano, il deputato regionale Giovanni Panepinto (Pd), componente della commissione Affari istituzionali dell'Ars e il deputato nazionale di "Rifare l'Italia" Tonino Moscatt (Partito democratico). L'incontro sarà moderato dall'avvocato Giuseppe Aiello e "sarà utile - spiega una nota dell'associazione politica 'Rifare l'Italia' - per confrontarsi sul tema dell'imminente riforma giustizia e sui dodici punti su cui verrà suddivisa".

Sovraffollamento carceri, indulto e amnistia, l'Onu: 'Servono misure straordinarie'

Intanto la delegazione di esperti dell'Onu in visita in Italia per controllare la situazione delle carceri, dei tempi lunghi dei processi civili e penali, degli ospedali psichiatrici e altre questioni del mondo giustizia, hanno incitato oggi il Governo Renzi e il Parlamento italiano ad adottare "misure straordinarie, come per esempio - si legge un comunicato della delegazione delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria reso noto al termine di una visita di tre giorni nel paese (7-9 luglio) - soluzioni alternative alla detenzione, al fine di eliminare l'eccessivo ricorso alla detenzione".

Pubblicità

L'Onu non esclude quindi misure straordinarie di clemenza come indulto e amnistia così come chiede da tempo a gran voce il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Anche con questa voce autorevole dell'Onu dovrà fare i conti il Governo Renzi in tema di riforma della giustizia e di sovraffollamento carceri già sanzionato dalla Corte di Strasburgo.