Sovraffollamento carceri e diritti dei detenuti in primo piano nell'agenda politica e parlamentare di questa settimana: dibattito accesso in Aula alla Camera dei Deputati dove è in corso la discussione generale sul decreto svuota carceri del #Governo Renzi, mentre riprende oggi in commissione Giustizia al Senato della Repubblica l'esame congiunto dei ddl per la concessione di #indulto e #amnistia.

Svuota carceri, indulto e amnistia 2014: la Lega Nord all'attacco del Governo Renzi

"La risposta al sovraffollamento nelle carceri è solo e unicamente l'ampliamento e la realizzazione di nuove celle, non sono cinque svuota carceri".

Pubblicità
Pubblicità

Lo ha dichiarato il deputato della Lega Nord Davide Caparini intervenendo ieri nell'Aula di Montecitorio durante la discussione generale sul decreto contro il sovraffollamento carceri del Governo Renzi che deve essere convertito in legge. Il decreto legge messo a punto dal ministro della Giustizia Andrea Orlando - che prevede sconti di pena del 10% e risarcimenti in denaro per i detenuti - che la Lega Nord di Matteo Salvini, così come il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo e Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni considerano una sorta di "indulto mascherato".

La risposta al sovraffollamento carceri "non sono - ha sottolineato il deputato leghista - le misure alternative che il Governo Renzi si è inventato, non è la scarcerazione dei delinquenti, né la riduzione delle pene o il continuo ricorso ai domiciliari".

Pubblicità

Per la Lega Nord, che ha già annunciato battaglia anche sui ddl per indulto e amnistia in discussione in commissione Giustizia al Senato, la soluzione al sovraffollamento carceri sanzionato dalla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo è la costruzione di nuovi istituti penitenziari e la ristrutturazione e ampliamento di quelli esistenti. "Il Governo Renzi - ha detto ieri nell'Aula di Montecitorio il capogruppo della Lega Nord in commissione Giustizia alla Camera Nicola Molteni, relatore di minoranza al dl detenuti - si appresta a varare l'ennesimo svuota carceri, il quinto indulto mascherato per garantire impunità nei confronti dei criminali. Con questo decreto l'esecutivo - ha aggiunto Nicola Molteni - intende garantire una paghetta per chi è in carcere introducendo il reddito minimo di delinquenza per i criminali".

Svuota carceri, indulto e amnistia, l'Unione camera penali: 'Modificare decreto ingiurioso per i detenuti'

Intanto sul cosiddetto decreto svuota carceri interviene anche l'Unione delle Camere penali, presieduta dall'avvocato Valerio Spigarelli, che nei mesi scorsi ha promosso diverse iniziative insieme ai radicali per indulto e amnistia.

Pubblicità

Ma il decreto legge targato Renzi - Orlando che prevede sconti di pena del 10% e risarcimenti per le persone detenute in condizioni "inumane e degradanti" "produrrà effetti opposti, addirittura ingiuriosi, nei confronti della collettività detenuta, se non sarà modificato in fase di conversione". "Se già è avvilente pensare di fissare nell'irrisoria cifra di 8 euro al giorno o di un giorno di sconto per ogni dieci di detenzione il risarcimento per essere stati ammassati come rifiuti umani in quelle discariche sociali che sono le carceri italiane - si legge in un comunicato stampa dall'Unione delle Camere penali - diventa intollerabile l'idea che questo possa essere il prezzo anche di atti classificabili come tortura". Gli avvocati fanno sapere che sono pronti alla "più ferma protesta" se non verrà modificato il decreto svuota carceri Renzi - Orlando.