Saranno la riforma della giustizia 2014 e le misure necessarie contro il sovraffollamento carceri, comprese #amnistia e #indulto, ad animare il dibattito politico e parlamentare dopo le ferie estive. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha già incontrato i partiti delle opposizioni per un confronto e ha spiegato che il 20 agosto metterà sul web le nuove linee guida definitive sulla riforma giustizia 2014 del Governo Renzi e poi, entro i primi giorni del mese di settembre, presenterà il testo definitivo del ddl.

Amnistia e indulto 2014 contro il sovraffollamento carceri, novità di settembre

Nel frattempo il Governo Renzi dovrà esaminare i nuovi dati sul sovraffollamento nelle carceri per verificare gli effetti delle nuove leggi "svuota carceri" recentemente approvate: dalla legge sulle pene alternative e sulla messa in prova ai servizi sociali o ai lavori di pubblica utilità al decreto in favore dei detenuti convertito in legge - il cosiddetto decreto svuota carceri definito anche "indulto" mascherato dal Movimento 5 stelle di Beppe Grillo, dalla Lega Nord di Matteo Salvini, da Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni e da Italia dei Valori di Ignazio Messina - che prevede sconti di pena del 10% e risarcimenti in denaro ai detenuti nella misura di 8 euro per ogni giorno trascorso in carcere in condizioni degradanti e inumane a causa del drammatico problema del sovraffollamento carceri già sanzionato dalla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo e sul quale sono puntati i riflettori del Consiglio d'Europa che, dopo aver constatato la possibilità di miglioramenti con le nuove leggi "svuota carceri", ha concesso un anno di proroga all'Italia (rispetto al termine precedentemente fissato per il 28 maggio 2014) per il ristabilimento di condizioni dignitose e umane negli istituti penitenziari.

Pubblicità
Pubblicità

Intanto, dopo il forfait del guardasigilli Andrea Orlando nei giorni scorsi, è stata riconvocata per mercoledì 3 settembre e giovedì 4 settembre la nuova seduta della commissione Giustizia di Palazzo Madama che vede all'ordine del giorno anche la prosecuzione dei disegni di legge per la concessione di amnistia e indulto 2014 contro il sovraffollamento carceri presentati al Senato dai senatori Enrico Buemi, Luigi Compagna, Lucio Barani, Luigi Manconi più altri cofirmatari. I relatori dei quattro ddl per amnistia e indulto, il cui esame prosegue in maniera congiunta, sono il senatore Ciro Falanga, del movimento politico Forza Italia di Silvio Berlusconi "molto" favorevole a indulto e amnistia 2014 e la senatrice Nadia Ginetti, del Partito democratico di #Matteo Renzi il quale su leggi di clemenza come amnistia e indulto ha più volte cambiato posizione, schierandosi prima a favore e poi contro.

Pubblicità

Riforma giustizia, indulto e amnistia: Renzi non conferma né smentisce accordo con Berlusconi

C'è chi ipotizza che su riforma della giustizia, indulto e amnistia possa esserci già un "accordo segreto" tra il premier Matteo Renzi e il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi che sarebbe stato raggiunto nel cosiddetto Patto del Nazareno sulle riforme costituzionali. Il premier Renzi non smentisce e non conferma questa ipotesi, in un'intervista a InOnda su La7 si è limitato a dire rispondendo alle domande dei giornalisti su una possibile intesa sulla riforma della giustizia compresa nel Patto del Nazareno con Silvio Berlusconi. "Veramente il ministro della Giustizia Andrea Orlando - ha risposto il premier Renzi - è andato anche da Forza Italia nel suo giro di colloqui e loro sono stati tiepidi sulle nostre proposte di riforma della giustizia".