Il sovraffollamento delle carceri sta diventando sempre più di attualità, le ultime news inerenti #amnistia e #indulto sono però contrastanti, vediamo cosa è accaduto nelle ultime ore dopo la visita di Pannella a Totò Cuffaro nel carcere di Rebibbia il giorno di ferragosto. La mozione del Movimento 5 stelle presentata dal grillino Leonardo Bracco è molto chiara, gli esponenti del movimento di Beppe Grillo sono contrari ad amnistia e indulto e pensano di poter risolvere la faccenda gravosa del sovraffollamento delle carceri italiane in maniera diversa da quella proposta ormai da tempo dal radicale Marco Pannella. I grillini, ha fatto sapere Bracco, si batteranno aspramente contro il decreto svuota carceri di Renzi, la soluzione non è nel concedere pene alternative o condonarle, ma ristrutturare e possibilmente ricostruire i penitenziari che attualmente non possono permettersi un numero così esorbitante di detenuti.

Pubblicità
Pubblicità

Bracco a tal proposito ha portato ad esempio gli 8 carceri abruzzesi. I penitenziari presi in esame possono detenere fino a 1432 detenuti, ebbene attualmente ne ospitano invece 1980. Tale sovraffollamento ha causato, sempre secondo Bracco, un aumento di tentativi di suicidi, 31 negli ultimi 2 anni di cui 8 fatali.

Se per i grillini dunque la soluzione e il miglioramento dei penitenziari attualmente esistenti e la costruzione di nuove carceri per detenere nuovi carcerati, non è dello stesso avviso Marco Pannella. Il giorno di ferragosto, il leader dei radicali, ha fatto visita nel carcere di Rebibbia a Roma l'ex governatore della regione Sicilia Totò Cuffaro, attualmente detenuto per favoreggiamento alla mafia. Pannella resta uno dei maggiori portabandiera a favore di amnistia e indulto.

Pubblicità

A lui si sommano in tal caso anche molti esponenti del PD, come il senatore Luigi Manconi. Come dicevamo in precedenza, molto però dipenderà da quanta opposizione faranno i 5 stelle, e soprattutto da quanto sia prioritaria la faccenda nell'agenda personale del premier Matteo Renzi, colui che più di tutti ha carta bianca. Amnistia e Indulto o ristrutturazione e nuove costruzioni carcerarie? Vedremo nei prossimi giorni cosa deciderà il primo ministro italiano.