Pugno duro del #Governo Renzi contro la violenza negli stadi, con il decreto Alfano arrivano il super Daspo di gruppo e nuove norme per l'arresto in flagranza differita, ma anche novità sugli striscioni negli stadi e sulle sanzioni previste per turbativa dell''ordine pubblico. "E' bello ricordare proprio in questo giorno non solo Ciro Esposito ma anche la sua mamma - ha dichiarato il ministro dell'Interno Angelino Alfano dopo l'approvazione del decreto del Governo Renzi contro la violenza negli stadi - che ha dato un grande insegnamento di serenità e di pace a tutti coloro i quali pensano di rovinare con la violenza uno sport che tutti gli italiani hanno sempre amato".

Pubblicità
Pubblicità

Decreto Alfano, pugno duro del Governo Renzi contro la violenza negli stadi

"Il decreto Alfano rappresenta una risposta valida e un buon esempio di politica del fare", ha affermato in un comunicato stampa il presidente della Lazio Claudio Lotito commentando l'approvazione del decreto legge del Governo Renzi contro la violenza negli stadi. "Con l`introduzione di norme più decise per prevenire la violenza negli stadi e con misure per incentivare le famiglie e i veri appassionati di calcio a tornare sugli spalti - ha aggiunto il presidente laziale Claudio Lotito commentando il decreto Alfano - sarà possibile recuperare lo spirito originario della competizione sportiva calcistica che non è quella di combattere una guerriglia urbana - ha sottolineato Lotito - ma è quella di fare il tifo in maniera civile, lontani da e di violenza che sono sfociati recentemente in gravissime situazioni che non devono più ripetersi".

Pubblicità

Decreto Alfano contro violenza negli stadi, Lega Nord: 'E' solo acqua fresca'

"Solo acqua fresca, Alfano è recidivo, continua a ignorare il vero problema, cioè il fatto che servono strumenti urbanistici per ridisegnare gli stadi", lo ha dichiarato il deputato della Lega Nord Davide Caparini intervenendo sul decreto Alfano. "La montagna ha partorito il topolino, la stretta contro i tifosi rischia di essere insufficiente se non si accompagna a investimenti sull'impiantistica sportiva", ha aggiunto il deputato Davide Caparini co-autore, insieme al collega deputato leghista Giancarlo Giorgetti, di un disegno di legge per l'importazione del modello inglese, ovvero: stadi come "luoghi di socialità" e non di guerriglie. "Tolleranza zero contro i violenti - ha sottolineato il parlamentare leghista Davide Caparini - ma pensiamo anche alle famiglie e a chi il calcio lo vive come passione e divertimento". Il decreto Alfano secondo la delegazione parlamentare della Lega Nord di Matteo Salvini, "nasce monco, destinato a finire nel calderone degli insuccessi di questo governo".

Pubblicità

Decreto Alfano, soddisfazione del Nuovo centrodestra

"Esprimiamo grande soddisfazione per il decreto Alfano, una risposta ferma ed equilibrata al tema della violenza negli stadi", ha dichiarato in una nota stampa Fabrizio Cicchitto, parlamentare del Nuovo centrodestra. "Da un lato - ha aggiunto- ci sono misure che incentivano le famiglie ad andare negli stadi e dall'altro - ha sottolineato Fabrizio Cicchitto (Ncd) - provvedimenti che vanno dall'estensione Daspo a chi è condannato per reati di ordine pubblico, al Daspo aumentato fino a 10 anni per i recidivi, al Daspo al branco cioè al gruppo". "Dalle parole ai fatti, con il decreto approvato oggi in Consiglio dei ministri - ha dichiarato la vicepresidente del gruppo di Ncd alla Camera Dorina Bianchi - il ministro Alfano tiene fede agli impegni assunti, restituisce dignità allo sport e il calcio ai suoi veri valori e protagonisti:passione, agonismo e tifosi. #Matteo Renzi