Il leader del Movimento 5 stelle #Beppe Grillo attacca il governo guidato dal premier #Matteo Renzi dopo l'approvazione al Senato di quello che definisce un "#indulto mascherato". L'ex comico oggi a capo del M5s ha pubblicato sul suo blog www.beppegrillo.it un video post con l'intervento del portavoce del Movimento 5 stelle al Senato della Repubblica Enrico Cappelletti. "Il decreto legge del Governo Renzi sulle carceri - ha detto il senatore Enrico Cappelletti in Aula a Palazzo Madama - è il quinto indultino in pochi mesi. Infatti - ha aggiunto il parlamentare grillino - lo sconto di pena del 10 per cento della pena residua cosa è, se non un indulto?".

Pubblicità
Pubblicità

'Indulto mascherato', il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo contro il Governo Renzi dopo l'ok al decreto svuota carceri

"Questo decreto è un indulto mascherato, che mette solo una pezza al problema del sovraffollamento delle carceri, senza risolverlo davvero", hanno dichiarato in un comunicato stampa i senatori M5s al Senato della Repubblica dove è stata votata la fiducia al decreto Renzi - Orlando che introduce sconti di pena, risarcimenti in denaro per i detenuti e divieto di misura cautelare in carcere per i reati la cui pena prevista è inferiore a 3 anni di reclusione. Oggi - prosegue il comunicato stampa dei senatori grillini che in commissione Giustizia al Senato daranno battaglia pure contro i disegni di legge per indulto e amnistia - ci troviamo con un provvedimento svuota carceri, il quinto dall'inizio della legislatura, che prevede - sottolineano i grillini commentando il via libera al cosiddetto decreto svuota carceri del Governo Renzi - lo sconto del 10% delle pene e un compenso di 8 euro per ogni giorno che il detenuto ha passato in carcere in maniera disumana".

Pubblicità

Decreto svuota carceri Renzi - Orlando: ecco perché è come l'indulto e diverso dall'amnistia, scontro M5s - Pd

Oltre allo sconto di pena del 10% (che è una sorta di indulto visto che in effetti condona la pena, diverso dall'amnistia che estingue il reato) per i detenuti che stanno subendo le condizioni disumane e degradanti in carcere provocate dal sovraffollamento e ai risarcimenti in denaro nella misura di 8 euro al giorno per gli ex detenuti che hanno presentato ricorso per violazione dei diritti umani, il decreto sulle carceri del Governo Renzi prevede le modifiche al codice di procedura penale nella parte relativa all'applicazione delle misure cautelari in carcere che viene di fatto abolita per i reati inferiori alla pena massima dei tre anni di reclusione, ma anche nuove norme per il rafforzamento dei tribunali di sorveglianza, prevede la possibilità di scontare gli arresti domiciliari senza scorta per benefici a minori e under 25, al potenziamento dei tribunali di sorveglianza, alla possibilità dei domiciliari senza scorta, il decreto del Governo Renzi introduce anche nuove norme contro la carcerazione preventiva, in particolare viene modificata la norma per l'applicazione della custodia cautelare in carcere in caso di pena inferiore ai 3 anni.

Pubblicità

"Il Dl carceri approvato oggi al Senato è un altro importante successo che il Governo Renzi ha portato a segno", ha invece commentato la senatrice del Pd Rosa Maria Di Giorgi, segretaria d'Aula al Senato. "Si tratta di un provvedimento di civiltà grazie al quale l'Italia - ha aggiunto la parlamentare del Partito democratico - rientrerà negli standard previsti dalla Corte di Straburgo sulla condizione delle nostre carceri. Da Lega Nord e Movimento 5 stelle - ha replicato la senatrice del Pd Rosa Maria Di Giorgi - abbiamo ascoltato i soliti comizi".