"Pensione anticipata a partire dai 62 anni di età per chi ha almeno 35 anni di contributi", è questa una delle proposte del presidente della commissione Lavoro della Camera dei Deputati Cesare Damiano (Pd) che subito dopo la pausa estiva incalza e sollecita il #Governo Renzi sulla riforma #Pensioni 2014-2015, dopo il "pasticcio" sulle pensioni degli insegnanti della Quota 96 #Scuola combinato nel contesto di riforma Pa e pensioni del ministro Marianna Madia, questione rimasta ancora irrisolta dopo il rinvio della presentazione di decreti e ddl per la riforma della scuola del ministro dell'Istruzione, università e ricerca Stefania Giannini.

Pensione anticipata a 62 anni: Damiano incalza il Governo Renzi sulla riforma pensioni 2014-2015

"Le imprese non assumono, ci ha ricordato giustamente Marchionne.

Pubblicità
Pubblicità

Noi ribadiamo che una delle cause della disoccupazione dei giovani è la mancanza di turnover". Così - richiamando le dichiarazioni dell'ad di Fiat e Chrysler Sergio Marchionne - torna a intervenire con determinazione sulla riforma pensioni 2014-2015 il presidente della commissione Lavoro della Camera dei Deputati dove sono in discussione diversi disegni di legge di iniziativa parlamentare che puntano alla modifica della riforma pensioni dell'ex ministro del Lavoro Elsa Fornero. Tra le priorità emerse nell'ambito del dibattito sulla riforma pensioni nell'era del Governo Renzi la necessità di mandare in pensione gli insegnanti della cosiddetta Quota 96 scuola bloccati a lavoro dalla riforma pensioni Fornero e di trovare una soluzione definitiva a migliaia di lavoratori esodati dopo il sesto provvedimento temporaneo di salvaguardia.

Pubblicità

Ma i sindacati Cgil, Cisl e Uil ma anche molti parlamentari di diversi partiti pressano per la pensione anticipata su cui si sono nei giorni scorsi registrate le aperture da parte del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti ferma restando la capacità del Governo Renzi di individuare le necessarie coperture finanziarie con cui è costretto a fare i conti il ministro dell'Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan. Per quanto riguarda la riforma della scuola e quindi un possibile intervento sulle pensioni insegnanti Quota 96 scuola non ci sarebbero problemi di copertura finanziaria secondo quanto ha detto ieri su Twitter il premier Matteo Renzi il quale oggi, comunque, torna a chiedere al Consiglio Ue la possibilità di sforare il patto di stabilità proprio per far fronte agli impegni di natura economica e finanziaria richiesti per la riforma della scuola.

Riforma pensioni, pensione anticipata dopo il 'pasticcio' Quota 96 scuola?

"Finché i padri saranno costretti a lavorare fino a 67 anni, i figli e i nipoti resteranno fuori dai cancelli delle fabbriche", ha sottolineato il parlamentare del Partito democratico Cesare Damiano che nel contesto della riforma pensioni 2014-2015 propone da tempo la pensione anticipata per tutti i lavoratori e non solo per i dipendenti della Pubblica amministrazione come prevede il prepensionamento statali inserito nel decreto di riforma pensioni e Pa del ministro Marianna Madia.

Pubblicità

"Per questo - ha aggiunto ancora il presidente della commissione Lavoro secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Italpress - dobbiamo correggere la riforma pensioni Fornero e introdurre un criterio di flessibilità nel sistema previdenziale che consenta per chi ha almeno 35 anni di contributi - è la proposta di pensione anticipata di Cesare Damiano - di andare in pensione a partire dai 62 anni di età".