Sforare il Patto di stabilità anche per finanziare la riforma della scuola e quindi risolvere la vicenda delle #Pensioni degli insegnanti della Quota 96 dopo il pasticcio nella riforma pensioni Pa? "Non si tratta di inventarsi regole nuove ma di usare al meglio quelle che esistono", così il premier Matteo Renzi ha risposto ai cronisti a margine del vertice dei Socialisti e Democratici che si è svolto a Parigi. "Serve una flessibilità - ha sottolineato il premier Matteo Renzi - dentro le regole che già ci sono". Renzi chiede in Europa più flessibilità e sostanzialmente una deroga al Patto di stabilità per finanziaria per esempio la riforma della scuola che dovrà dare risposta anche agli insegnanti Quota 96 bloccati dalla riforma pensioni Fornero: "Il Pse è d'accordo", ha assicurato il premier prima del Consiglio Ue.

Pubblicità
Pubblicità

Riforme Governo Renzi: riforma scuola, Pa e pensioni: 'Occorre sforare il Patto di stabilità'

"Occorre un intervento immediato della Bce, un acquisto di titoli consistente - ha dichiarato il deputato del Partito democratico Stefano Fassina, in un'intervista rilasciata al giornale "Conquiste del lavoro" - per uscire al più presto dalla deflazione", ha sottolineato il parlamentare del Pd facendo riferimento ai dati dell'Istat diffusi ieri che fotografano la deflazione in Italia insieme alla recessione. "Abbiamo bisogno - ha sottolineato Fassina - di una politica monetaria più aggressiva e poi di una legge di stabilità, a livello nazionale, che sia espansiva e quindi - ha spiegato l'ex responsabile economia del Partito democratico - non si fermi davanti al tabù del 3 percento deficit-Pil ma in via temporanea lo sfori, se è necessario".

Pubblicità

Occorre, "se necessario", sforare il patto di stabilità, "per rifinanziare - ha detto Fassina - il bonus fiscale da 80 euro al mese da estendere subito anche a pensionati, incapienti e partite Iva. Occorre intervenire massicciamente anche per contrastare la povertà. Perché - ha concluso il parlamentare del Partito democratico impegnato sulla riforma pensioni - quello che ci dicono oggi i dati negativi è che se si finanziano gli 80 euro con i tagli di spesa, l`effetto a livello macroeconomico è in ogni caso quello della recessione".

A "gufare", per dirla col verbo spesso utilizzato dal premier Matteo Renzi, il capogruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati Renato Brunetta: "Ancora una volta sui giornali l'Istat, con recessione, deflazione, disoccupazione, guasta la festa a Renzi!'', ha scritto l'ex ministro della Pubblica amministrazione del #Governo Berlusconi commentando i dati diffusi a fine agosto 2014 dall'Istat. Di economia, riforma pensioni e riforma del lavoro parlerà il presidente della commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Cesare Damiano, durante la Festa de l'Unità che si svolge oggi pomeriggio al Parco nord di Bologna dove andrà in scena un confronto con il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni.

Pubblicità

Entrambi, tuttavia, sono d'accordo sula fatto che bisogna modificare la riforma pensioni del Governo Monti, la cosiddetta riforma Fornero, con nuove norme a tutela delle pensioni dei lavoratori esodati e degli insegnanti della Quota 96 scuola e con l'introduzione di nuove leggi per la pensione anticipata sui cui si sono già registrate le prime aperture - mai smentite diversamente che sui tagli - dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti. Alla Festa de l'Unità di Bologna il parlamentare del Pd Stefano Fassina presenterà anche il suo nuovo libro dal titolo "Lavoro e libertà" che contiene anche riflessioni e proposte sulla riforma pensioni. #Unione Europea