Lentamente ma scende. Stando agli ultimi #Sondaggi politici dell'istituto Ixe redatti lo scorso 7 agosto la fiducia del premier #Matteo Renzi continua a calare. Dopo aver toccato vette altissime, ben oltre superiori al 50%, il capo del governo deve fare i conti con quel lento declino che aveva segnato la vita politica dei suoi illustri predecessori, leggi Letta e leggi (sopratutto) Monti, ad oggi definitivamente scomparso dalla scena politica italiana. Il dato sulla fiducia del segretario del Partito democratico fa segnare un sempre incoraggiante 49%, dato che però registra una flessione abbastanza importante rispetto ad appena una settimana fa, quando la fiducia su Renzi era al 51%.

Pubblicità
Pubblicità

I rapporti iniziano ad incrinarsi? Che il dato sul Pil abbia influito in maniera decisiva sull'ultimo risultato conseguito dall'ex sindaco di Firenze? La riforma del Senato era davvero sentita dagli abitanti del Paese? Tante domande a cui Renzi deve cominciare a trovare delle risposte se non vuole vedere la sua fiducia crollare così come accaduto a Monti prima (in maniera drammatica aggiungerei) e Letta poi. Restando in termini di fiducia dei vari leader politici, si registra anche la flessione di Beppe Grillo, sceso al 19% (sette giorni fa era al 20%), mentre rimangono invariate le percentuali per Matteo Salvini (18%) e #Silvio Berlusconi (17%), che in questa speciale classifica resta fuori da un ideale podio scavalcato anche dal segretario della Lega Nord. Oltre che sul dato della fiducia Renzi deve riflettere anche sulla perdita di un punto percentuale dall'intera coalizione di Centrosinistra, ora al 44,9% (3 punti percentuali in meno rispetto alla prima decade di luglio), mentre dà cenni di risveglio Forza Italia, che sale al 16,3% (+0,7%), trascinando l'intera coalizione al 30,4% (+1,1% rispetto ad una settimana fa).

Pubblicità

E il Movimento 5 Stelle? I grillini balzano al 20,4% (+0,7), un dato che potrebbe salire ulteriormente complice il momento difficile attraversato dall'intera Europa (e stavolta a pagarne le spese sono le stesse Francia e Germania).