Non è stata ancora convocata per la prossima settimana la commissione Giustizia del Senato della Repubblica dove si resta in attesa di capire se torneranno in discussione, come ha fatto intendere il presidente Francesco Nitto Palma (Forza Italia), i disegni di legge per la concessione di #amnistia e #indulto 2014. La commissione che si deve occupare di indulto e amnistia, già all'ordine del giorno dei lavori nel calendario di questa settimana, è stata sconvocata perchè prevedeva molti ddl che sono adesso "doppioni" visto che le stesse novità previste vengono introdotte nella riforma della giustizia del ministro Andrea Orlando. Intanto prosegue la battaglia per indulto e amnistia di Marco Pannella e il comunista Fausto Bertinotti dice che sulle battaglia di civiltà la sinistra deve prendere esempio da i radicali.

Pubblicità
Pubblicità

Amnistia e indulto, Bertinotti: 'Perché i Radicali fanno una battaglia di civiltà sulle carceri e i comunisti no?'

"Perché i Radicali italiani fanno una battaglia di civiltà sulle carceri e noi no?"; a chiederselo, in un colloquio con il quotidiano La Repubblica - mentre prosegue senza sosta la battaglia di Marco Pannella e Rita Bernardini per amnistia e indulto 2014 - è l'ex presidente della Camera dei Deputati Fausto Bertinotti, l'ex leader di Rifondazione comunista che face cadere il #Governo Prodi durante il quale, tra l'altro, fu concesso l'indulto 2006 di cui ha ampiamente goduto l'ex premier Silvio Berlusconi che su amnistia e indulto, secondo alcune indiscrezioni riportate dalla Velina Rossa e da Lettera 43, potrebbe avere un accordo con il premier Matteo Renzi.

Pubblicità

Amnistia e indulto 2014: nuovi appelli di Marco Pannella e Rita Bernardini

"La putrefazione - ha detto ieri Marco Pannella che continua la sua battaglia per la concessione di amnistia e indulto contro la 'tortura nelle carceri' - ha tempi lunghi, ma se supera un certo grado si rischia l'irreparabile". Parlando della grave situazione nelle carceri italiane Pannella, rivolgendosi al chiede al Governo Renzi e al Parlamento italiano, ha ribadito ieri, a margine di un incontro con i detenuti nel carcere di Arghillà a Reggio Calabria, che bisogna subito "fermare questo disastro antropologico, perché - ha sottolineato il leader radicale - dove c'è strage di legalità". "E' la mancanza della legalità e di certezza del diritto - ha aggiunto Rita Bernardini, la segretaria dei Radicali italiani impegnati nell'iniziativa di Satyagraha per amnistia e indulto 2014 - che porta l'Italia tra i Paesi con cattiva giustizia".

Indulto e amnistia, sovraffollamento carceri, fuori chi è senza processo da molto tempo: accade in India

A proposito di sovraffollamento carceri e di possibili soluzioni le ultime notizie arrivano dall'India, dove la Corte Suprema indiana ha ordinato alle carceri del Paese, palesemente super affollate, di scarcerare tutte le persone detenute che siano rimaste rinchiuse almeno metà del periodo massimo di pena seppur senza essere stati giudicati in un processo.

Pubblicità

Quella della Corte Suprema indiana, che sostanzialmente concede una sorta di indulto o amnistia, è una sentenza clamorosa destinata ad avere conseguenze per centinaia di migliaia di detenuti nelle carceri indiane. Secondo quanto sostiene Amnesty International sono più di due terzi dei quasi 4 milioni rinchiusi nelle carceri indiane i detenuti ancora in attesa di un processo.