Torna a dibattere sull'importante tema dell'#amnistia e dell'#indulto il Partito Radicale Italiano, che negli scorsi giorni si è riunito nel proprio Comitato Nazionale ed è tornato a votare per chiedere un atto di clemenza nei confronti di coloro che stanno soffrendo il grave problema del sovraffollamento carcerario. D'altra parte, per sottolineare le condizioni vissute dai carcerati basta prendere come riferimento i dati offerti dal Ministero della Giustizia ed elaborati proprio dal Partito radicale: 119% di sovraffollamento medio, con picchi che possono raggiungere anche il 220% in alcuni istituti penitenziari. È chiaro che davanti a cifre come queste, non si può restare immobili.

Pubblicità
Pubblicità

Le dichiarazioni del Comitato Nazionale dei Radicali italiani su amnistia e indulto: misure svuota carceri 2014 non funzionano

Molto dure le dichiarazioni rilasciate dallo stesso comitato sul tema del sovraffollamento: "i rimedi previsti dal #Governo non solo sono umilianti per chi ha subito trattamenti equiparabili alla tortura, ma neppure funzionano a causa della totale inefficienza della Magistratura di sorveglianza, inadeguata persino a rispondere alle istanze di ordinaria amministrazione avanzate dalla popolazione detenuta". Il riferimento è al recente Svuota Carceri 2014, un provvedimento che si propone di intervenire sul problema del sovraffollamento carcerario attraverso misure come la conversione di pena per chi ha commesso reati minori e risarcimenti per coloro che sono stati detenuti in condizioni ingiuste.

Pubblicità

Il Comitato Nazionale dei Radicali evidenzia anche "la drammatica attualità del messaggio che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha indirizzato alle Camere un anno fa proprio sulle questioni della giustizia e del carcere". Ma nel corso del tempo sono intervenuti sulla questione anche l'ONU e la Corte di Giustizia Europea, che ha minacciato il Bel Paese di pesanti sanzioni nel caso in cui non si fosse posto urgente rimedio alla gravosa situazione sin qui evidenziata.

Resta ferma la discussione su amnistia e indulto 2014 in Senato: si attendono dati del Ministero

Nel frattempo resta nuovamente in stand by la discussione su di un atto di clemenza presso la Commissione Giustizia al Senato, in attesa che arrivino dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando i dati sull'impatto che ha avuto lo svuota carceri 2014 circa la popolazione carceraria. In attesa ci sono i 4 ddl congiunti per un atto di clemenza, sui quali si sono creati nel corso degli scorsi mesi molte aspettative da parte delle persone detenute in condizioni ingiuste; purtroppo fino ad ora i legislatori non hanno saputo trovare la "quadra politica", tanto che lo stesso Guardasigilli ha parlato di ipotesi di scuola e di tema indigeribile a causa del giustizialismo politico seguito da alcuni per guadagnare consenso popolare.

Pubblicità

E voi cosa pensate al riguardo? Fateci sapere la vostra opinione con un commento all'articolo; se invece desiderate rimanere aggiornati, vi invitiamo a cliccare il tasto "segui" in alto a destra.