Mentre prosegue in commissione Giustizia al Senato la discussione sulle quattro proposte di legge per #amnistia e #indulto 2014 in attesa di un nuovo confronto con il guardasigilli Andrea Orlando, continua a non esserci pace nelle carceri italiane dove diversi sono i problemi e i disagi provocati dalla situazione di sovraffollamento carcerario che non accenna a placarsi nonostante la legge sulle pene alternative e il cosiddetto decreto svuota carceri del Governo Renzi.

Carceri, Osapp denuncia: topi vicino a locali mensa Torino

Dopo le denunce di aggressioni a poliziotti penitenziari, risse, problemi per le cure mediche e quant'altro nuove segnalazioni arrivano dai sindacati di polizia penitenziaria.

Pubblicità
Pubblicità

"Un topo è stato trovato la scorsa notte dalla polizia penitenziaria nei locali vicini alla mensa di servizio del carcere di Torino". A denunciarlo è il segretario generale dell'Osapp, sindacato autonomo di polizia penitenziaria, Leo Beneduci. "E' opportuno ed urgente - ha dichiarato in una nota stampa il segretario generale dell'Osapp - un sollecito sopralluogo da parte delle autorità a cui è demandato il controllo - ha sottolineato Leo Beneduci - in materia di salubrità e igiene al fine - ha proseguito il sindacalista Osapp facendo nessun riferimento ai ddl per indulto e amnistia - di evitare possibili conseguenze per il personale di polizia che permane in tali spazi".

Sovraffollamento carceri: allarme controlli, sicurezza e "sballo" alcolico dei detenuti

E mentre si continua a perdere tempo per l'approvazione di amnistia e indulto 2014 nelle carceri continuano a registrarsi problemi a non finire, tra quelli che si segnalano con maggiore frequenza negli ultimi giorni anche quelli legati alla sicurezza e alle difficoltà dei controlli all'interno degli istituti penitenziari nonché allo "sballo" nelle carceri.

Pubblicità

Se ieri sono stati scoperti detenuti che trafficavano droga nel carcere di Padova oggi "un gruppo di detenuti del carcere di Modena ha prodotto, alcolici mediante la macerazione della frutta, con cui poi si ubriacava". Lo hanno raccontato il segretario generale aggiunto del Sappe Giovanni Battista e il segretario regionale Francesco Campobasso. "Un agente della polizia penitenziaria in servizio si è accorto che un detenuto era addirittura caduto a terra. Così - hanno aggiunto i due dirigenti del sindacato autonomo di polizia penitenziaria - è partito l'accertamento che ha condotto ad identificare il gruppo di detenuti che, attraverso il macero della frutta, producono quantità tali di alcool da riuscire ad ubriacarsi in gruppo. Si tratta - hanno spiegato il segretario generale aggiunto del Sappe Giovanni Battista e il segretario regionale Francesco Campobasso - di una pratica che si sta diffondendo sempre di più in carcere, soprattutto a causa dei controlli ormai allentati, per consentire la vigilanza dinamica".

Pubblicità

Testo unificato amnistia e indulto, cresce l'attesa al Senato

Queste le ultime notizie che arrivano oggi domenica 5 ottobre da alcune carceri italiane mentre si resta in attesa del testo unificato per la concessione di amnistia e indulto che dovrebbe essere redatto e presentato al Senato della Repubblica dalla senatrice Nadia Ginetti (del Pd di Matteo Renzi) e dal senatore Ciro Falanga (di FI di Silvio Berlusconi). Nel frattempo, in attesa del nuovo confronto sul sovraffollamento carceri con il ministro della Giustizia Andrea Orlando l'esame congiunto dei disegni di legge per la concessione di indulto e amnistia 2014 riprenderà martedì 7 ottobre in commissione Giustizia di Palazzo Madama presieduta dal senatore Francesco Nitto Palma.