Come già denunciato nei giorni scorsi da diversi rappresentanti degli agenti di polizia penitenziaria, il sovraffollamento carceri - contro il quale il Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha più volte ribadito l'esigenza di approvare indulto e amnistia 2014-2015 - determina anche difficoltà nei controlli e per quanto riguarda la sicurezza all'interno di case circondariali e case di reclusione.

Sovraffollamento carceri, amnistia e indulto 2014-2015: tunisino evade e sequestra donna e scappa

Un detenuto tunisino di 28 anni, ritenuto stupratore seriale, che era evaso ieri dal carcere di Pordenone, è stato arrestato questa mattina dalla Polstrada di Padova.

Pubblicità
Pubblicità

Il detenuto era evaso ieri dopo aver colpito a pugni un poliziotto penitenziaria di turno in portineria. Due giorni fa, il tunisino era finito in manette dopo aver aggredito e sequestrato una donna alla quale aveva rubato la macchina e l'aveva portata con sé nella fuga fino a Padova. Proprio per evitare situazioni come queste, che comunque restano frequenti, la Lega Nord di Matteo Salvini è contro ogni ipotesi di #indulto e #amnistia 2014-2015 contro cui darà battaglia in commissione Giustizia al Senato dove si attende la presentazione del testo unificato per amnistia e indulto da parte dei senatori Ciro Falanga (Forza Italia di Silvio Berlusconi) e Nadia Ginetti (Partito democratico di Matteo Renzi) in qualità di relatori dei quattro ddl per la concessione di indulto e amnistia presentati dai senatori Compagna, Manconi, Barani e Buemi dopo la sentenza Torreggiani della Corte europea dei diritti umani di Strasburgo alla quale ha fatto seguito il messaggio alle Camere del presidente della Repubblica sulla questione carceraria in cui Napolitano ha chiesto senza mezzi termini a deputati e senatori l'approvazione delle misure straordinarie di clemenza generale ad efficacia retroattiva previste dalla Costituzione italiana, ovvero indulto e amnistia.

Pubblicità

Ma oltre alla Lega Nord di Matteo Salvini su amnistia e indulto c'è il no del Movimento 5 stelle di Beppe Grillo e la spaccatura nel Partito democratico con il premier e segretario Matteo Renzi che frena sulle misure di clemenza considerate molto impopolari nei confronti dell'opinione pubblica a cui l'ex sindaco di Firenze sembra prestare particolare attenzione. Lega e M5s, che chiedono più certezza della pena e la costruzione di nuove carceri contro il sovraffollamento, sono contrari anche al decreto svuota carceri del #Governo Renzi ribattezzato "indulto mascherato".

Sovraffollamento carceri, indulto e amnistia, Uil: agente aggredito al Pratello di Bologna

E mentre in commissione Giustizia al Senato della Repubblica proseguirà la prossima settimana l'esame dei quattro disegni di legge per la concessione di indulto e amnistia 2014-2015 secondo le ultime notizie resta grave la situazione nelle carceri, dove il sovraffollamento causa problemi di ogni tipo. Dopo la presentazione del dossier sulle aggressioni nelle carceri italiane nel 2014, "nel primo pomeriggio di oggi - ha denunciato Domenico Maldarizzi, del coordinamento provinciale di Bologna della Uil Penitenziari - un poliziotto penitenziario in servizio all'Istituto penale minorile Pratello di Bologna è dovuto ricorrere - ha spiegato il dirigente sindacale dei penitenziari - alle cure dei sanitari per ferite riportate a seguito di una aggressione da parte di un minore ristretto, con una prognosi di 7 giorni.

Pubblicità

L'agente di polizia penitenziaria aggredito - ha sottolineato Maldarizzi - è stato colpito con una testata al volto che gli ha procurato la frattura del setto nasale".