Arrivano direttamente dalla serata di martedì 28 ottobre gli ultimi #Sondaggi politici elettorali del 2014. Durante le trasmissioni di approfondimento di Rai 3 e La7, sono infatti stati presentati i dati ufficiali Ipsos ed Euromedia che evidenziano quello che è il pensiero degli italiani riguardo alcune importanti tematiche legate agli ultimi accadimenti nel mondo della politica del nostro Paese. È importante evidenziare in primo luogo come, né durante Ballarò né durante DiMartedì, siano stati presentati i pareri riguardanti una sempre più improbabile elezione politica anticipata. Al contrario, sono stati approfonditi temi che toccano da vicino gli italiani e che hanno caratterizzato le ultime settimane come la nuova Legge di Stabilità ed i disagi interni al PD.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco nel dettaglio quelli che sono stati i risultati di alcuni sondaggi politici elettorali.

Sondaggi politici elettorali 2014: stime aggiornate di Ipsos ed Euromedia

La trasmissione Ballarò ha innanzitutto approfondito il tema legato a Matteo Renzi e ad una possibile scissione del Partito Democratico. Dopo le ultime incomprensioni il 49.8 % degli italiani partecipanti al sondaggio Euromedia pensa che la frattura sia insanabile mentre per il 30% le divergenze potranno essere presto chiarite. Più equilibrio tra le due percentuali se si tengono in considerazione solamente gli elettori PD (la prima fazione è infatti del 46% contro la seconda del 40%). Una percentuale ancor più elevata si riferisce invece a tutti gli italiani che pensano che, dopo la nuova Legge di Stabilità, si potrà riscontrare un netto aumento delle tasse da pagare (63.5%); il 18% ritiene invece che la situazione non si modificherà particolarmente mentre il 7.5% ritiene che dopo gli interventi dell'esecutivo la situazione tasse sarà migliore.

Pubblicità

La trasmissione DiMartedì si è invece soffermata sul sondaggio politico effettuato da Ipsos riguardante le indicazioni dell'UE al Governo italiano in tema di Legge di Stabilità: il 49% preferirebbe che le opinioni europee venissero prese in considerazione mentre il 43% suggerisce di proseguire per la strada intrapresa senza farsi influenzare.