Può dormire sonni tranquilli #Matteo Renzi, l'Italia è con lui, almeno stando a quanto riportato dagli ultimi sondaggi politici elettorali di Ixè per la trasmissione televisiva Agorà di Rai 3. Il premier vede un piccolo ma significativo incremento nella fiducia nei suoi confronti. Sorride anche il #M5S che vede una leggera crescita rispetto all'ultima valutazione e anche lo stesso Beppe Grillo registra un segno più. Quanto alle intenzioni di voto, il #Pd si mantiene ampiamente avanti e non sembra avere avversari laddove si tornasse a votare con la situazione attuale.

Sondaggi politici Ixè: gradimento dei principali leader politici

La fiducia in Matteo Renzi passa dal 48% al 49% mentre sale anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ora al 39% (prima 38%).

Pubblicità
Pubblicità

Il Capo dello Stato è lontano dalle percentuali bulgare che segnavano il suo primo settennato, soprattutto per via del ruolo di attore politico di primo piano che ha assunto negli ultimi anni. Beppe Grillo si porta dal 19% al 21%, Matteo Salvini cresce dal 19% al 20%, Angelino Alfano è al 13% (prima era al 12%). Stabile invece il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi al 16%.

Sondaggi elettorali: intenzioni di voto sui partiti politici

Trascinato da Renzi, il PD è ampiamente primo partito con il 40,2%: i Democratici calano di 0,3 punti percentuali rispetto all'ultima rilevazione. Il Movimento Cinque Stelle invece è al 20,8% e registra un +0,6%, assestandosi al secondo posto. Forza Italia invece non va oltre un misero 15,7%, in calo come il Partito Democratico dello 0,3%. Vola la Lega Nord: il partito guidato da Matteo Salvini viaggia con un ottimo 8% recuperando terreno rispetto al precedente 7,8%.

Pubblicità

Non vale più del 2,2% invece il Nuovo Centro Destra di Angelino Alfano, messo da parte anche nel dibattito politico. Da valutare, in ogni caso, il numero di indecisi e astenuti che tocca quota 34,1%. Se oggi si tenessero le elezioni politiche la coalizione di centrosinistra sarebbe ampiamente in testa con il 43,7%. Il centrodestra invece si fermerebbe al 31,6% e il M5S, che corre da solo, sarebbe in terza posizione al 20,8%.