Nella giornata di ieri sono stati diffusi i dati degli ultimi #Sondaggi politici elettorali dell'istituto Datamedia. I risultati sembrano dare alcune conferme ad alcune linee di tendenza che avevamo segnalato nelle nostre analisi di altri sondaggi. In primo luogo continua a scendere il consenso nei confronti del #M5S, Grillo è praticamente scomparso dalla scena e in un momento di polarizzazione sulla questione del lavoro non riesce a trovare uno spazio politico. In secondo luogo la fiducia in Renzi continua, seppur lentamente a scendere, anche in questo caso il fattore decisivo è lo scontro con i sindacati sulle questioni del lavoro. Infine, dal punto di vista delle intenzioni elettorali, segnaliamo una crescita, seppur limitata, della Lega Nord, il cui trend positivo dura dal momento in cui la leadership è stata raccolta da Matteo Salvini.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco, allora, un'analisi puntuale dei dati degli ultimi sondaggi politici elettorali Datamedia.

Datamedia, ultimi sondaggi politici elettorali: il calo del M5S, l'ascesa della Lega Nord

Per quanto riguarda le intenzioni di voto, i dati che restituiscono gli ultimi sondaggi politici elettorali Datamedia sono piuttosto chiari e restituiscono un trend già segnalato da altri istituti. Un discorso merita sicuramente il M5S che, se si andasse a votare oggi, raccoglierebbe il 18,9% dei voti, rispetto alle proiezioni che a maggio lo davano ad esempio al 26%. Insomma, in pochi mesi il Movimento avrebbe perso circa il 7% dei voti, una percentuale sicuramente preoccupante. La questione potrebbe riguardare il fatto che il M5S, in questa fase di polarizzazione sulla questione del lavoro, non ha scelto mai la strada della "piazza", restando di fatto al di fuori del cuore del problema.

Pubblicità

Intanto, c'è la crescita della Lega Nord: se si andasse a votare oggi, il partito di Salvini raccoglierebbe l'8,8% dei consensi elettorali, più del doppio di quanto veniva accreditato dalla proiezioni a marzo, quando a stento si superava il 3%. Salvini, invece, è riuscito nel non facile compito di ricompattare il popolo della Lega e lo ha fatto intorno a importanti cavalli di battaglia come la lotta all'immigrazione, tema cavalcato con poco successo anche dai grillini.

Datamedia, ultimi sondaggi politici elettorali: il PD resiste, mentre scende la fiducia in Renzi

Nonostante i problemi che il Partito Democratico sta attraversando, a causa soprattutto della forte e decisa leadership di #Matteo Renzi, i dati degli ultimi sondaggi politici elettorali Datamedia mostrano come il PD sia vivo e vegeto. C'è stato un calo rispetto alla settimana scorsa di circa mezzo punto percentuale, ma, se si andasse a votare oggi, raccoglierebbe comunque il 40% netto di voti. Se il partito non sembra subire scossoni, è la fiducia in Renzi a scendere giorno dopo giorno sempre di più: rispetto alla settimana scorsa ha perso infatti tre punti percentuali arrivando al 50%.

Pubblicità

Si tratta, comunque, di una fiducia ancora "alta", considerate anche le difficoltà del paese, ma il trend negativo che continua da alcune settimane e che si può ricondurre sempre al clima di scontro sulle questioni del lavoro, dovrebbe suonare come un campanello d'allarme per il premier. È tutto con l'analisi degli ultimi sondaggi politici elettorali Datamedia.