Tra meno di due settimane ci saranno le elezioni regionali in Emilia Romagna. I cittadini emiliani saranno chiamati alle urne per scegliere il successore di Vasco Errani alla guida della giunta regionale. La stessa cosa accadrà anche in Calabria, dove nella medesima giornata ci sarà la tornata elettorale per rinnovare governatore e consiglieri. I seggi elettorali saranno aperti ai votanti esclusivamente nella giornata di domenica 23 novembre 2014, con orario di apertura dalle 7 alle 23. Nei giorni scorsi abbiamo avuto modo di scoprire i nomi dei candidati, nonché le liste a loro collegate, mentre quest'oggi andiamo a scoprire com'è l'attuale situazione riguardo alle intenzioni di voto.

Pubblicità
Pubblicità

Non c'è nulla di ufficiale ad oggi, ma da quanto emerge sembrerebbe che la Lega Nord stia avendo un discreto successo tra i cittadini emiliani. Il candidato Alan Fabbri, appoggiato dalla coalizione di centrodestra assieme a Forza Italia e Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, parrebbe aver raccolto molti consensi fra la popolazione, per cui potrebbe insidiare molto da vicino il rivale di centrosinistra, Stefano Bonaccini del Partito Democratico, appoggiato anche da Sel, Centro Democratico e dalla lista Emilia Romagna Civica. Il candidato della Lega Nord sta avendo il supporto in prima persona di Matteo Salvini e potrebbe avere la meglio in questa Regione dove storicamente hanno sempre guidato uomini del centrosinistra.

Anche Luca Zaia si è espresso sull'argomento, sottolineando come mai come stavolta è contendibile la Regione emiliana e lo dimostra il fatto che il PD ha iniziato ad essere intimorito, cosa che fino a qualche settimana fa non era accaduto.

Pubblicità

Alan Fabbri ha dichiarato che il consenso è alto ed il popolo sta con loro, ma per la prova del nove bisognerà attendere le elezioni di fine mese.

Il successo del centrodestra è merito anche del calo di consensi del Movimento 5 Stelle, che durante queste elezioni regionali sembra aver perso tutta la sua forza. Il vento, a quanto pare, non soffierebbe più dalla parte di Beppe Grillo, che in Emilia Romagna era sempre andato molto bene. Il movimento pentastellato si affiderà a Giulia Gibertoni. Ricordiamo poi, che tra gli altri candidati ci saranno A. Rondoni (Ncd-Udc), M. C. Quintavalla (L'Altra Emilia Romagna), M. Mazzanti (Liberi Cittadini per l'Italia) e M. Terra (Partito Comunista dei Lavoratori), che non dovrebbero essere in grado di impensierire gli altri per la vittoria. #Elezioni politiche #Sondaggi politici