Gli ultimi sondaggi politici elettorali Ixè per il programma Agorà cercano di tastare il polso su una serie di questioni calde di questi ultimi giorni: da un lato infatti si chiede agli italiani se FI debba o meno appoggiare le riforme del premier Renzi, dall'altro si interrogano gli intervistati sull'aggressione a Salvini, su come debba essere interpretata. Si parla inoltre della possibile discesa in campo del segretario della Fiom, Maurizio Landini, e della fiducia nei leader con la flessione di Renzi e la continua crescita proprio di Salvini.

Ecco un commento e un'analisi degli ultimi #Sondaggi politici elettorali Ixè per Agorà.

Pubblicità
Pubblicità

Ultimi sondaggi politici elettorali Ixè: Berlusconi deve appoggiare le riforme?

La prima questione che i sondaggi politici elettorali Ixè hanno posto agli italiani riguarda l'eventuale sostegno di Forza Italia alle riforme del governo. Siamo in tempi di amore/odio tra Berlusconi e Renzi, coloro che avevano stipulato il cosiddetto patto del Nazareno, ma gli italiani sembrano essere convinti che il governo debba procedere nelle riforme anche con l'appoggio di FI: il 72% degli intervistati infatti ritiene che FI debba appoggiare le riforme del governo, il 15% afferma che non dovrebbe, mentre il 13% non esprime un'opinione. Gli italiani, insomma, anche se la luna di miele con Renzi sembra essere ampiamente finita, sembrano intenzionati ad appoggiare ancora la sua azione di governo.

Pubblicità

Ixè, sondaggi politici elettorali: l'aggressione a Salvini e la fiducia nei leader

Un'altra questione all'ordine del giorno che i sondaggi politici elettorali Ixè per Agorà hanno cercato di sondare è quella che riguarda l'aggressione subita da #Matteo Salvini, leader della Lega Nord, ad opera di alcuni antagonisti. Il segretario del Carroccio era in visita a un campo rom e, data la posizione politica della Lega, si è ritenuto che fosse una provocazione. Gli italiani hanno dato un giudizio molto preciso: il 47% ha risposto infatti che Salvini ha subito un'aggressione ingiustificata, mentre il 39% ha risposto che è stato vittima di una sua stessa provocazione, soltanto il 14% non esprime giudizio. Insomma, un'Italia divisa in due: Salvini o si ama o si odia. E intanto, nella "classifica" dei leader più amati e seguiti dagli italiani, ecco che, dietro Renzi che si ferma al 45% (in forte calo negli ultimi mesi), compare proprio Salvini con il 21%. Beppe Grillo, di fatto scomparso dalle lotte politiche, e Berlusconi si attestano rispettivamente al 17% e al 15% delle preferenze degli italiani.

Pubblicità

#Matteo Renzi

Ultimi sondaggi politici elettorali Ixè: Landini leader politico di una nuova sinistra?

La sinistra italiana sembra sempre di più essere alla ricerca di una nuova identità e di un nuovo leader. Renzi non sembra rispondere alle esigenze del popolo di sinistra e lo dimostra anche il conflitto interno con l'ala più radicale del suo partito. Intanto, alla domanda se Landini dovrebbe scendere in politica, domanda rivolta soltanto agli elettori di centrosinistra, i dati restituiti dai sondaggi politici elettorali Ixè non lasciano adito a dubbi: il 65% risponde nettamente di 'no' e soltanto il 24% dice 'sì'. Insomma, Landini deve continuare a fare il sindacalista, perché è in quel ruolo che gli italiani lo vedono e ne apprezzano l'operato.