"Per la prima volta lo Stato che dimagrisce anziché ingrassare": lo ha detto il premier e segretario del Pd #Matteo Renzi in un video messaggio alla Cna, parlando di una imminente "riduzione delle tasse come un inizio di un processo rivoluzionario, questo è il nostro obiettivo". E contro la Legge di Stabilità del Governo Renzi e per una riforma fiscale con una "vera riduzione delle tasse" è in corso oggi il "No Tax Day" di Forza Italia durante il quale è intervenuto l'ex premier #Silvio Berlusconi.

Riforme, fisco, lavoro, Renzi: rivoluzione tasse, riduzione da 18 miliardi

Parlando della Legge di Stabilità 2015 su cui il Governo Renzi ha posto alla Camera dei Deputati la questione di fiducia, il presidente del Consiglio, nel video messaggio all'associazione degli artigiani e delle piccole e medie impresa, ha indicato "una riduzione di 18 miliardi di tasse".

Pubblicità
Pubblicità

"Un momento difficile per il Paese - ha proseguito Renzi - un momento in cui è forte il sentimento di stanchezza, ma noi ce la faremo - ha sottolineato il premier nel video messaggio inviato all'Assemblea nazionale della Confederazione nazionale dell'artigianato - perché siamo più forti della crisi e della paura".

Riforma fiscale, Berlusconi al 'No tax day': riduzione delle tasse alle famiglie, alle imprese, al lavoro

E a proposito di tasse e riforma fiscale oggi si svolge a Roma il "No tax day" di Forza Italia. "Dobbiamo lasciare da parte - ha detto il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi durante i lavori del 'No tax day' - la politica delle parole, degli slogan, che qualcuno vuole ritornare a far esistere dentro Forza Italia. Noi - ha aggiunto l'ex premier - abbiamo detto chiaro che non ci stiamo, siamo una forza diversa, quella politica delle preferenze, del voto di scambio non ci appartiene.

Pubblicità

Noi siamo consapevoli - ha aggiunto Silvio Berlusconi in collegamento telefonico con un'iniziativa di Forza Italia a Roma - che abbiamo una grande responsabilità. Siamo l'unica forza politica liberale - ha sottolineato il leader di Forza Italia - con una formula per la crescita economica che comincia dalla riduzione delle tasse alle famiglie, alle imprese, al lavoro".

Legge di Stabilità e 'No Tax Day', Gasparri (FI) al Governo Renzi: abolire la tassa sulla prima casa

"La Legge di Stabilità - secondo il senatore di Forza Italia e vice presidente del Senato Maurizio Gasparri - sarà un banco di prova per la sinistra. Forza Italia - ha aggiunto parlando di riforme, tasse e fisco - farà proposte concrete per ridurre l'imposizione fiscale sulla casa che ha raggiunto livelli incivili". Il parlamentare ha indicato gli obiettivi di Forza Italia sulla riduzione delle tasse. "Primo: abolire le tasse sulla prima casa. Secondo: ridurre a un'unica tassa - ha spiegato Gasparri - il groviglio di imposte oggi in vigore.

Pubblicità

Terzo - ha aggiunto senatore azzurro - rivedere gli estimi catastali per rilanciare il mercato immobiliare. Quarto: abrogare la norma che consente ai Comuni - ha spiegato Gasparri spiegando le proposte di Forza Italia sulla riforma fiscale - l'aumento della aliquota Tasi fino al sei per mille per fare cassa e compensare i tagli".

Cgia di Mestre: tasse in aumento per le famiglie italiane

Intanto, sulle famiglie italiane grava un carico fiscale medio annuale di oltre 15.300 euro. Lo rileva la Cgia di Mestre. Tra il 1995 e il 2013 il peso delle tasse, delle imposte, dei tributi e dei contributi previdenziali è aumentato di oltre 4.400 euro (+40,4 %): si tratta di una crescita più che doppia rispetto a quella fatta registrare dal reddito nominale netto medio disponibile (+19,1 %).