C'è da dire che negli ultimi sei mesi il #Pd di Matteo Renzi ce l'ha messa davvero tutta per raggiungere questo brillante risultato. L'informazione diversamente positiva dell'ex sindaco fiorentino parla di crescita e di aiuti ai lavoratori. Un sondaggio della Demos mostra un calo del Pd nelle intenzioni di voto degli italiani pari al – 5%.

Sondaggio Demos

L'Atlante Politico della Demos che scrive per Repubblica illustra i dati delle ultime rilevazioni emerse da un sondaggio che vede diminuire drasticamente la fiducia degli italiani nel governo del Pd. Le percentuali incriminate bocciano senza appello sia il governo (-13%) sia il premier (-10%).

Pubblicità
Pubblicità

Il calo dei consensi che riguarda Renzi e il suo governo diventa assolutamente significativo allorquando si va a vedere a quale percentuale si attesta ad oggi nelle stesse intenzioni di voto. Dal 41% delle europee il consenso viene limato di 5 punti percentuali fino a toccare il 36%, probabilmente effetto di quella parte di elettorato di ceto alto disillusa dalla carente Legge di Stabilità corretta dalla Ue. E questo è un dato molto importante perché nei fatti se ne avvantaggiano i competitors leghisti e forzisti che vedono rafforzate le proprie posizioni. Il M5S conferma il suo gradimento intorno al 20% o poco più giù.

Presa di coscienza

I ritardi inammissibili sull'approvazione degli emendamenti in favore degli esodati, le carenze di provvedimenti per ulteriori 50000 lavoratori in attesa di essere tutelati dalle salvaguardie, la sordità espressa ai docenti precari della II fascia esclusi dalla stabilizzazione della Buona Scuola, l'insufficienza degli incentivi alle neo mamme e degli 80 euro in busta paga hanno determinato una presa di coscienza da parte della gente che si vede sempre emarginata da una vera azione riformatrice di un welfare che viene sempre 'picconato' a suon di tagli e nuove tasse.

Pubblicità

L'arroganza di Renzi e dei suoi ministri non poteva passare impunemente e gli effetti della politica pro-confindustria hanno prodotto l'effetto opposto. #Sondaggi politici