Prosegue il dibattito sul delicato tema dell'#amnistia e dell'#indulto all'interno del Bel Paese: negli scorsi giorni è arrivata la notizia della rimozione dell'Italia dagli osservati speciali del consiglio d'Europa, in merito al grave problema del sovraffollamento. Secondo l'Ue, le misure portate avanti dal #Governo italiano sono da ritenersi come sufficienti per ripristinare la situazione di diritto e per evitare l'addebito di pesanti sanzioni finanziarie. Ma nonostante l'inversione di tendenza registratasi recentemente, sono in molti a ritenere l'attuale situazione delle carceri come ancora deficitaria. Ricordiamo che con lo svuota carceri 2014 si è prevista l'attività lavorativa come pena alternativa alla carcerazione, ma solo per coloro che hanno commesso reati minori, mentre restano in alto mare per moltissimi detenuti i risarcimenti che l'Italia si è impegnata a versare a tutti coloro che hanno vissuto condizioni di detenzione contrarie al rispetto dei diritti umani.

Pubblicità
Pubblicità

Il Governo Renzi prosegue nell'azione di riforma con la custodia cautelare e la svolta sui reati di lieve entità

Proprio in virtù del successo ottenuto, l'esecutivo Renzi avrebbe deciso di proseguire con nuove iniziative sulla falsariga di quanto fatto nei precedenti mesi: è in questo senso che bisogna intendere il dl relativo alla impunibilità tramite carcerazione dei reati più lievi, mentre sarebbero in discussione anche nuove forme di custodia cautelare. Queste misure però tendono ad escludere un'iniziativa di clemenza più ampia, un fatto che sarebbe riscontrabile anche nel blocco del lavoro sui 4 ddl per l'amnistia e l'indulto rimasti fermi ormai da mesi presso la Commissione Giustizia al Senato della Repubblica.

Proseguono gli atti di autolesionismo in carcere, nuovo tentato suicidio di un detenuto a Grosseto

A triste dimostrazione che l'emergenza non sia ancora completamente risolta, continuano ad arrivare notizie di atti autolesionisti compiuti dai carcerati che subiscono maggiormente il problema del sovraffollamento.

Pubblicità

L'ultimo episodio in ordine di tempo è stato denunciato dal sindacato di Polizia Sappe, che ha riportato il caso di un detenuto corallino che avrebbe tentato il suicido. Donato Capece, Segretario generale del sindacato afferma: "la situazione nelle carceri resta allarmante, altro che emergenza superata". Come sempre, vi invitiamo a farci sapere cosa ne pensate attraverso la funzione commenti del sito; se invece desiderate restare aggiornati sulle ultime novità relative ad amnistia e inulto, potete cliccare sul pulsante "segui" presente in alto, sotto al titolo.