Mentre in Francia il dibattito sulla questione della cannabis ristagna, uno studio del think tank Terra Nova rileva che un quadro meno repressivo potrebbe avere un risultato più soddisfacente per limitarne il consumo. Esso modella gli scenari sanitari e finanziari della depenalizzazione o della legalizzazione della cannabis, che potrebbero portare circa 2 miliardi di euro all'anno allo Stato. In primo luogo, la constatazione. "La politica di repressione in Francia sta fallendo" rivelano i tre economisti autori dello studio. Malgrado la repressione, il consumo di cannabis in Francia è uno dei più elevati in Europa. Soprattutto, questa politica pubblica costa cara.

Pubblicità
Pubblicità

Essa capta una parte considerevole delle risorse allocate al mantenimento dell'ordine pubblico e alla giustizia. A ciò si aggiunge il costo sociale indiretto. Il sistema non raggiunge i suoi obiettivi, gli autori hanno studiato delle alternative che possono portare a risultati migliori.

La depenalizzazione dell'uso

Consiste nell'eliminare le sanzioni in caso di detenzione di cannabis per consumo personale, come in Portogallo o in Spagna. Tale scenario permetterebbe di ridurre del 55% il costo (di polizia, giudiziario e carcerario) della repressione. Ma non permetterebbe di controllare il prezzo, determinante per la domanda, e non offrirebbe dunque degli strumenti per influire sul consumo. Il prezzo rimarrebbe inalterato. L'aumento dello spaccio sarebbe del 16%.

Pubblicità

si avrebbero 6000 consumatori quotidiani in più (pari al 12%) e 309.000 consumatori occasionali supplementari.

Legalizzazione della produzione, della vendita e dell'uso nel quadro di un monopolio pubblico

La cannabis diventerebbe un prodotto commerciale come il tabacco. Questa è la strada scelta dall'Uruguay: questa opzione permette allo Stato di giocare sul prezzo per garantire una relativa stabilità del consumo. Questo può essere il caso con un aumento del 40% rispetto al prezzo corrente, 6 euro al grammo, a € 8,40 - l'idea è di integrare nel prezzo di vendita sul mercato legale l'equivalente monetario dei rischi effettivamente sostenuti sul mercato nero. A 8,40 euro al grammo, con una tassazione pari a quella del tabacco (80%), permetterebbe di registrare delle "entrate significative" (1,3 miliardi di euro all'anno) e una drastica riduzione della spesa pubblica di 523 milioni (- 92%) a causa della scomparsa dei costi di giustizia e di polizia, nonché di evitare delle spese sanitarie supplementari. L'impatto totale sul budget sarebbe di 1,8 miliardi di euro. Allo stesso prezzo, il numero degli consumatori giornalieri aumenterebbe di oltre il 47%, a 812.000, e le entrate salirebbero a 1,6 miliardi dollari, in quanto il mercato nero scomparirebbe. L'impatto complessivo sarebbe di 2,1 miliardi. #Esteri