Dimissioni di Giorgio Napolitano ormai imminenti: il Presidente della Repubblica lascerà non oltre il 14 gennaio 2015. Si apprende dalle ultime notizie dai principali quotidiani secondo cui dagli incontri con Renzi e Alfano l’inquilino del Colle l’avrebbe fatto capire. E’ già partito il totonomi verso il Quirinale. Chi sarà eletto? Circolano da giorni ormai tanti nomi candidati ufficiosamente o candidabili dai partiti: Romano Prodi, Emma Bonino, Roberta Pinotti, Anna Finocchiaro, Laura Boldrini, Walter Veltroni, Ignazio Visco, Giuliano Amato. Più defilati paiono essere candidati come Stefano Rodotà e Ferdinando Imposimato, ritenuti troppo “vicini” al Movimento 5 Stelle per poter raccogliere ampio consenso in Parlamento.

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime ore Il Corriere della Sera rivela l’ultima carta a cui starebbero pensando dal Partito Democratico: Pier Carlo Padoan. Il titolare del Ministero dell’Economia potrebbe fare il trasloco verso il Colle più alto: Renzi è sicuro che questo nome può trovare consenso. Un nome che, fra l’altro, piace tanto al Fondo Monetario Internazionale e che garantirebbe l’immagine dell’Italia all’estero.

Dimissioni Napolitano, elezione Presidente della Repubblica 2015: possibili candidati per il Quirinale

Secondo quanto scritto dall’edizione online odierna de Il Corriere della Sera laddove Pier Carlo Padoan fosse eletto Presidente della Repubblica al posto di Napolitano, in via XX Settembre il Partito Democratico avrebbe già pensato chi mandare: Lorenzo Bini Smaghi sarebbe il nuovo ministro dell’Economia.

Pubblicità

Ma siamo ancora nella fantapolitica: bisogna vedere il consenso reale che l’attuale titolare del ministero più importante riesce a raccogliere in Parlamento. Il PD non solo deve trovare unità al suo interno ma deve garantirsi un alleato affidabile per eleggere al primo scrutinio il nuovo Presidente della Repubblica ed evitare di impantanarsi clamorosamente. Il ricordo dei 101 “traditori” di Prodi, del resto, è ancora vivo.

A questo punto non resta che aspettare le dimissioni di #Giorgio Napolitano e capire se, nel momento in cui le danze saranno aperte, gli accordi saranno stati già definiti. Blasting News seguirà l’elezione del nuovo Capo dello Stato nel gennaio 2015: per restare costantemente aggiornati sulle ultime notizie cliccare il tasto “segui” accanto al nome dell’autore dell’articolo. #Presidenza della Repubblica