Il bonus bebè, è l'assegno di 960 euro all'anno (80 euro mensili) per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 e corrisposto fino al compimento dei 3 anni d'età o fino al terzo anno dall'ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione. Con il passaggio al Senato della Legge di Stabilità è stato modificato rispetto alla versione approvata dal Governo Renzi nella quale si prevedeva il riconoscimento del bonus bebè per i nuclei familiari con reddito ISEE superiore a 90.000 euro, nell'anno solare precedente a quello di nascita/adozione.

#Governo #Matteo Renzi

Legge di Stabilità del governo Renzi: bonus bebè solo con ISEE fino a 25 mila euro

Ora, infatti, il bonus bebè è previsto solo per i nuclei familiari con un ISEE che non supera i 25 mila euro e raddoppia con reddito ISEE sotto i 7mila euro. Dalla relazione dei tecnici del Senato emerge che aver collegato il bonus bebè alla nuova soglia, comporta una riduzione della platea di beneficiari, dapprima stimata in 415mila ed ora in 330mila destinatari dell'assegno. Di questi, 85mila otterranno un bonus mensile raddoppiato (da 80 a 160 euro) avendo un reddito ISEE al di sotto dei 7mila euro. Il bonus bebè arriva a 200 euro al mese nel caso si abbia diritto alla cosiddetta Carta Acquisti ordinaria (è il caso dei nuclei familiari con ISEE non superiore a 6.701,34 euro e non intestatari di più di due utenze del gas, di più di un'utenza elettrica domestica e una non domestica, di più di due automobili, di più di un immobile ad uso abitazione con una quota superiore o uguale al 25%, di immobili ad uso non abitativo con una quota superiore o uguale al 10%, di un patrimonio mobiliare al di sopra dei 15mila euro.)

Legge di Stabilità del governo Renzi: bonus bebè solo con ISEE fino a 25 mila euro

E' stata inoltre eliminata la parte in cui si prevedeva l'erogazione dell'assegno a prescindere dal reddito per le famiglie con più di cinque figli. Dunque il limite di reddito è tassativo: non si ha diritto ai 960 euro all'anno al di sopra dei 25mila euro di ISEE, anche in caso di famiglia molto numerosa. In compenso grazie alla costituzione del "Fondo famiglia" (sono stati stanziati 45 milioni nel 2015) è prevista la concessione di buoni acquisto da mille euro per i nuclei familiari che hanno almeno quattro figli e un ISEE fino a 8.500 euro.