“Com’è triste Venezia” cantava lo chansonnier francese Charles Aznavour, in una melodica canzone romantica. Lui si riferiva a un uomo che, tornato a Venezia, ricordava gli istanti vissuti assieme alla sua compagna con la quale si è lasciato. Oggi Venezia è politicamente triste, dopo il commissariamento avvenuto lo scorso luglio che vede la splendida città lagunare amministrata ora da Vittorio Zappalorto, già prefetto di Gorizia. Il commissariamento si rese necessario dopo lo scandalo Mose, che ha travolto l’amministrazione in carica, il governo regionale ed altri esponenti politici, nonché imprenditori locali. Una tangentopoli in salsa ligure.

Pubblicità
Pubblicità

Eppure l'opera oggetto di scandali sarebbe necessaria per mitigare il problema degli allagamenti che sempre più travolgono la città, anche se osteggiata dagli ambientalisti per il suo impatto sull'ecosistema. Ora si aspettano le elezioni e #Silvio Berlusconi sta pensando di calare una carta molto popolare per assicurarsele: la presentatrice Mara Venier, molto popolare e amata in città.

Quando se ne è parlato

A riportare la notizia il Corriere della sera. La notizia sarebbe venuta fuori alla festa del Direttore del settimanale scandalistico Chi, Alfonso Signorini, all'Hotel Baglioni di Milano, per l’uscita del suo libro biografico: L’altra metà di me. Il leader di #Forza Italia era l'ospite d'onore ma si è presentato senza la sua compagna. Presenti anche due showgirl sue grandi amiche, Valeria Marini e Mara Venier.

Pubblicità

Berlusconi avrebbe così parlato alla Venier della sua idea e proposta, perché secondo un sondaggio lei è il personaggio più amato dai veneziani. Dunque, perché non farla scendere in campo? Del resto in questi venti anni di vita, e specie nei primi, Forza Italia si è spesso affidata a personaggi del mondo della #Televisione (ma anche a qualche calciatore); una scelta anche legata alla provenienza del suo leader-fondatore. Certo, bisogna anche vedere se lei accetterebbe tale proposta. E voi come vedreste Mara Venier sindaco di Venezia? La votereste?