La riforma delle #Pensioni, approvata durante il #Governo Monti, ha creato un sistema pensionistico poco flessibile e con una spesa insostenibile, così come hanno evidenziato diversi organismi europei, i quali auspicano un intervento immediato sulle pensioni da parte del governo italiano. Intervento che va contro quanto si sta decidendo in questo ore dal nostro sistema politico. Infatti, la Legge di Stabilità, in discussione in queste ore in Senato, dovrebbe prevedere la cancellazione di una norma della Legge Fornero, la quale considerava delle penalizzazioni per chi lasciava il lavoro prima dei 62 anni. Una situazione paradossale che potrebbe creare parecchi problemi in Aula.

Pubblicità
Pubblicità

Bisogna tener presente che già alcuni mesi fa il FMI (Fondo Monetario Internazionale) aveva fatto un appunto all'Italia richiamandola sulla questione del sistema pensionistico ed invitandola ad effettuare quanto prima una revisione dell'attuale legge Fornero, dato che la previdenza italiana è tra le più costose in Europa. Anche l'Ocse chiede al nostro governo di fare tagli al sistema pensionistico. Secondo un rapporto stilato dalla stessa organizzazione si evidenzia come l'Italia spende troppo sulla previdenza in rapporto alla spesa pubblica: addirittura il 32 percento della spesa pubblica totale contro una spesa media del 18 percento degli altri Paesi europei.

Questa spesa stride con le pensioni che ogni mese vengono date. Infatti, l'Istat ha comunicato, con gli ultimi dati elaborati, che le pensioni in Italia sono tra le più basse in Europa con gran parte dei pensionati che fanno fatica ad arrivare a fine mese a causa di assegni mensili al di sotto dei mille euro.

Pubblicità

Addirittura, due milioni di pensionati si devono accontentare di soli cinquecento euro mensili o forse meno. Tutto questo in contrapposizione ad una parte di pensionati che percepiscono 'assegni d'oro'. Per queste ragioni una riforma previdenziale è indispensabile e dovrà essere fatta in tempi brevissimi. Attendiamo l'approvazione Legge di Stabilità in Senato e poi quella definitiva alla Camera. #Matteo Renzi