Oggi presso il Palazzo Chigi il premier #Matteo Renzi ha ripetuto al leader di Forza Italia Silvio Berlusconi che non intende cambiare il disegno di legge elettorale, da oggi al voto in senato, nonostante il dissenso di alcuni senatori che potrebbero far mancare il loro sì al Palazzo Madama.

Il tweet di Matteo Renzi prevedeva, prima dell'incontro con Berlusconi, in ogni collegio un candidato di lista deciso dal partito e altri due voti di preferenza e un premio di maggioranza da attribuire alla lista che arriva prima, al ballottaggio o al primo turno. Il patto tra Renzi e Berlusconi sulla legge elettorale è atteso oggi pomeriggio alla prova del voto in senato, ma le minoranze di Forza Italia e del PD sono contrarie per diverse ragioni alla riforma, a loro si accoda il Movimento Cinque Stelle.

Pubblicità
Pubblicità

Oggi Renzi, che è anche segretario del partito, incontrerà di nuovo i suoi senatori dopo che ieri ha concesso altre ventiquattro ore per ricompattare il gruppo affinché non si vada a creare un partito nel partito, fatto sta che la situazione non è ancora cambiata in quanto il senatore Miguel Gotor, capofila dei senatori dissidenti, ha più volte dichiarato di non votare l'italicum qualora contenesse la norma dei capilista bloccati. Pierluigi Bersani ieri sera ha detto che è impossibile che la minoranza del PD voti al senato contro il DDL ipotizzando un'astensione dal voto quale forma di dissenso; infatti, se così fosse il governo avrebbe buone possibilità di far passare la riforma al senato prima che torni per un'altra lettura alla camera.

Lorenzo Gerini, vice segretario del Pd che ha partecipato al vertice, ha dichiarato ai giornalisti di aver più volte ripetuto a Forza Italia la loro posizione che preveda capilista e preferenze e un premio di lista che garantisca la governabilità del Paese, sperando che vi sia da parte di Forza Italia una risposta adeguata a questa impostazione.

Pubblicità

Invece secondo Guerini è escluso che il premier Renzi e Silvio Berlusconi abbiano parlato di possibili candidati alla presidenza della Repubblica.