Analizziamo i risultati derivanti dagli ultimi sondaggi elettorali mettendo a confronto le risultanze di due delle agenzie più accreditate nel campo specifico. I sondaggi sono relativi al 12 e al 9 gennaio del 2015, la EMG mette in evidenza come il Pd del presidente del consiglio e segretario generale nazionale del partito sia in leggero ma continuo calo, mostrando una leggera flessione ed attestandosi al 36,0%, risultato sempre abbastanza considerevole ma che denota una certa sfiducia nell'azione di governo e del premier. Nel centrosinistra Sel di Vendola si ferma al 3,1% e gli altri partiti di coalizione non vanno oltre un 1,5%, per un totale del 40,6%, attribuendo cosi un risultato stabile per il centrosinistra.

Pubblicità
Pubblicità

In crescita invece la Lega di #Matteo Salvini, leader con una popolarità in continuo divenire che grazie anche alle continue presenze nei programmi televisivi e non solo pare stia accattivandosi le preferenze della gente, spingendo il suo partito fino ad un ottimo 14,3%; stesso risultato registrato dal partito di Silvio Berlusconi, impaziente di poter rientrare in campo da protagonista assoluto per cercare di riportare il proprio partito a livelli più accettabili.

Ncd e Fratelli d'Italia di Alfano e Meloni si attestano entrambi al 3,5% rimanendo stabili e portando il centrodestra ad un totale del 35,6%, risultato che segna una certa stabilità rispetto agli ultimi sondaggi dell'anno appena conclusosi. Il Movimento di Beppe Grillo invece arriva al 20,5% in leggera crescita rispetto al recente passato, mentre anche il numero degli indecisi rimane stabile al 44,0%.

Pubblicità

Secondo Ixè invece va leggermente meglio per il centrosinistra con il Partito Democratico di Renzi che si attesta al 37,2%, anche se anche qui si registra un leggero calo di consensi, Sel arriva al 3,7% e gli altri partiti a circa l'1%, per un risultato totale di coalizione del 42,1%, in leggero calo rispetto ai precedenti sondaggi.

Nel centrodestra cresce la Lega di Salvini, vero e proprio mattatore degllo scenario politico degli ultimi mesi, con un confortante 13,0%, in calo Forza Italia che senza Berlusconi a fare da front man scende al 13,3%, Fratelli d'Italia sale fino al 2,6% mentre l'Udc si ferma al 2,3%, gli altri partiti di Cdx invece raccimolano un 1,3% per un totale di coalizione del 32,8%.

Il Movimento Cinque Stelle arriva al 18,7% mostrando segnali di ripresa, mentre cresce il partito dei non votanti che si attesta al 49,3%. #Matteo Renzi #Sondaggi politici