Ed eccoci ritrovati, dopo la pausa natalizia, con il nostro appuntamento con i sondaggi politici elettorali. Questa volta ci soffermiamo su uno dei casi di cronaca che maggiormente sta sconvolgendo l'opinione pubblica in questi ultimi giorni: parliamo dell'attentato terroristico contro la redazione di Charlie Hebdo e della percezione che in Italia si ha del mondo musulmano e del suo ruolo nella società civile. Si tratta, insomma, di tastare il polso della situazione e possiamo già anticipare che i risultati saranno molto decisi e che la percezione degli italiani, negli ultimi anni, è fortemente mutata. I #Sondaggi politici elettorali dell'istituto SWG ci daranno anche le intenzioni di voto degli italiani.

Pubblicità
Pubblicità

Sondaggi politici elettorali, news 11 gennaio: i musulmani, pericolo per l'Italia dopo l'attentato a Charlie Hebdo?

I dati degli ultimi sondaggi politici elettorali SWG rivelano quale sia la percezione degli italiani per quanto accaduto in Francia a Charlie Hebdo in questi ultimi giorni. I sondaggisti hanno chiesto agli italiani se la religione islamica rappresenti realmente un pericolo per tutti anche in Italia. I risultati sono piuttosto chiari: per il 59% degli italiani (dunque ben più della metà degli intervistati) la risposta è 'sì'. Per comprendere l'importanza dei risultati dei sondaggi, occorre metterli in paragone con quelli degli anni precedenti: nel 2003 soltanto il 36% rispondeva sì (poco più di un italiano su tre), mentre soltanto l'anno scorso era il 50%.

Pubblicità

La seconda domanda che è stata posta è se i musulmani residenti in Italia debbano oppure no avere la libertà di professare la propria religione nelle scuole: per il 36% degli italiani soltanto la risposta è 'sì', mentre, per fare un esempio, nel 2004 era il 56%. È chiaro che la percezione negli anni sia assolutamente mutata , anche se un sondaggio istituito sull'onda emozionale di un attentato così sconvolgente difficilmente può restituire un risultato di cui fidarsi completamente.

Sondaggi elettorali: le vacanze natalizie hanno giovato il PD e il M5S

Per quanto riguarda, invece, le intenzioni di voto, i risultati dei sondaggi politici elettorali SWG, i primi dopo la "pausa" natalizia, mostrano come i risultati siano profondamente differenti da quelli di dicembre. Il PD guadagna un punto percentuale e si attesta al 38,1%; stesso discorso vale per il M5S che passa dal 19,4% al 20,6%. In discesa, invece, il centrodestra: Forza Italia perde un punto percentuale e si ferma al 14,1%, e anche la Lega Nord perde mezzo punto percentuale passando dal 12% all'11,5%.

Pubblicità

Anche il NCD di Alfano passa dal 3,5% al 3,2%, perdendo ancora alcuni decimali. Insomma, si fronteggiano da un lato il partito del premier Renzi e dall'altro il M5S oramai nuovamente in ascesa sin da dicembre. A stupire è il risultato della Lega Nord, che si sta muovendo molto in Italia sulla questione "musulmana".

È tutto con i risultati degli ultimi sondaggi politici elettorali SWG sui fatti conseguenti all'attentato a Charlie Hebdo. Se volete ricevere costanti aggiornamenti su questa materia, il nostro consiglio è di cliccare sul tasto "Segui" posto in alto al di sopra del titolo dell'articolo.